July 31, 2020 / 2:19 PM / 6 days ago

Forex, indice dollaro inchiodato su minimi pluriennali, euro punta a 1,20

Banconote da quattromila dollari Usa fotografati all'interno di una banca a Westminster, Colorado, 3 novembre 2009. REUTERS/Rick Wilking

NEW YORK (Reuters) - Si mantiene sui minimi l’indice del dollaro, che annulla il frazionale recupero dopo i dati sull’indice pce ‘core’.

Il biglietto verde risente della lettura decisamente contrastata dei numeri macro Usa e naturalmente anche del permanente dilagare dei contagi di Covid-19 negli Stati Uniti.

Su base mensile, il dollaro ha bruciato quasi 5% a livello di indice e si appresta ad archiviare la peggiore performance da circa dieci anni.

L’euro ha toccato brevemente 1,19 dollari — nuovo massimo da maggio 2018 — e a livello mensile mette a segno nei confronti della divisa Usa il miglior risultato dal 2010.

Dal punto di vista tecnico, il prossimo obiettivo sui grafici per l’euro/dollaro è la soglia di 1,20.

L’aumento delle posizioni corte sul dollaro, spiegano gli addetti ai lavori, è collegabile in parte anche alle tensioni geopolitiche, cui da ieri si sono aggiunte quelle di politica interna in vista delle presidenziali del 3 novembre.

Donald Trump ha evocato l’ipotesi di un rinvio destando un’accesa polemica non soltanto con i democratici ma con l’intero Congresso.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below