October 17, 2013 / 12:17 PM / 7 years ago

Wall Street - Stocks to watch del 17 ottobre

NEW YORK, 16 ottobre (Reuters) - I futures sugli indici di Wall Street sono misti indicando un avvio contrastato sulla borsa Usa, dopo i rialzi di ieri in un mercato che ha digerito l’accordo bipartisan raggiunto a Washington per evitare il default sul debito.

Democratici e Repubblicani hanno trovato in extremis un’intesa per interrompere lo shutdown delle attività federali con un provvedimento che prolunga il bilancio federale al 15 gennaio e autorizza il governo a sforare fino al 7 febbraio il tetto del debito.

Si tratta tuttavia di una soluzione temporanea che non cancella i timori sulle problematiche di fondo attorno al budget Usa e che si potranno ripresentare all’inizio dell’anno prossimo evidenziando le criticità strutturali del debito americano e le potenzioni ripercussioni sull’economia.

Quest’ultimo aspetto è stato evidenziato anche dall’agenzia di rating cinese Dagong che stamani ha tagliato il rating sovrano degli Stati Uniti di un notch a “A-“ da “A”.

Sul fronte macro dovrebbe riprendere già oggi regolarmente, subito dopo l’accordo sul debito che ha evitato il default, la pubblicazione delle statistiche macro dagli Usa.

In agenda sono i numeri settimanali sulle richieste di sussidi di disoccupazione, sull’apertura di nuovi cantieri e sulla produzione industriale di settembre insieme all’indice congiunturale a cura della Federal Reserve di Philadelhia per ottobre.

Sul fronte corporate anche oggi sotto i riflettori ci saranno numerose trimestrali, tra cui Google, Goldman Sachs, Verizon, Philip Morris, Union Pacific.

Attorno alle 13,55 italiane, il futures sullo S&P 500 cede un frazionale 0,09%, il derivato sul Nasdaq sale dello 0,05% e il contratto a dicembre sul Dow Jones perde lo 0,35%.

Sull’obbligazionario i titoli del debito sono in rally con il Treasury decennale che guadagna 12/32 e rende il 2,625%. Il trentennale sale invece di 18/32 con un rendimento del 3,692%.

I titoli in evidenza oggi:

* GOLDMAN SACHS ha annunciato un utile trimestrale in calo del 2% a 1,43 miliardi di dollari, risentendo del calo dei ricavi soprattutto per effetto dei minori volumi di trading sul’obbligazionario. La banca d’affari ha incrementato il dividendo trimestrale a 55 centesimi da 50 centesimi. Dopo i risultati il titolo ha registrato un calo dell’1,75 negli scambi preborsa.

* VERIZON ha riportato una crescita dei ricavi trimestrali a 30,28 miliardi, leggermente sopra le attese degli analisti di 30,16 miliardi. L’utile è stato pari a 2,2 miliardi contro attese di 1,59 miliardi. Il titolo è in rialzo di oltre il 2% nel premarket.

* IBM ha riportato ieri a borsa chiusa i risultati trimestrali che evidenziano un utile sopra le attese, ma i ricavi hanno deluso il consensus in un contesto che ha visto il gruppo Usa perdere terreno nel business dell’hardware e nei mercati emergenti. Alla luce dei nuovi dati diversi broker hanno rivisto al ribasso i target price sul titolo.

* Sempre ieri sera EBAY ha annunciato un deludente outlook per la restante parte dell’anno.

* AMERICAN EXPRESS ha annunciato ieri i risultati trimestrali che vedono un utile in crescita del 9,3% e ricavi in progresso del 6%.

* La trimestrale di PHILIP MORRIS pubblicata stamani vede ricavi a 7,9 miliardi in linea con le stime. Il gruppo ha rivisto le stime sull’utile per azione 2013 in un range di 5,35-5,40 dollari.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below