December 2, 2013 / 4:18 PM / 6 years ago

Borsa Usa poco mossa dopo dati Ism, spese per costruzioni

NEW YORK, 2 dicembre (Reuters) - Seduta poco mossa per la borsa Usa che si prende una pausa dopo otto settimane consecutive di rialzi, con il mercato che digerisce gli ultimi dati macro da cui è emerso un rafforzamento della crescita dell’attività manifatturiera e un aumento delle spese per costruzioni.

L’indice Ism manifatturiero a novembre è salito a 57,3 - la lettura migliore da aprile 2011 - da 56,4 del mese precedente, registrando anche un’accelerazione nel ritmo di assunzioni del settore.

In parallelo, le spese per costruzioni sono salite dello 0,8% al livello più alto da maggio 2009, sostenute dalla ripresa dei progetti pubblici.

Poco prima erano arrivati i dati di Markit che hanno mostrato un rimbalzo del settore manifatturiero a novembre.

“In generale i dati economici per il mese scorso sono stati migliori delle attese”, commenta Peter Jankovskis di OakBrook Investments LLC a Lisle, Illinois. “E questo significa anche che la Fed si sta avvicinando al tapering”.

La borsa è rimbalzata nelle ultime settimane sulle attese di proseguimento degli stimoli economici da parte della Federal Reserve. L’indice S&P 500 è salito per otto settimane di fila, la serie più lunga dopo le nove settimane consecutive di guadagni messe a segno tra novembre 2003 e gennaio 2004, portando il rialzo dell’anno a quasi il 27%.

Anche se il programma di stimoli della Fed dovrebbe fornire una base ai corsi azionari per tutta la sua durata, gli operatori si aspettano che la banca centrale cominci a ridimensionare i piani di acquisti di bond entro i prossimi mesi e in molti attendono un annuncio a marzo.

L’istituto centrale ha detto che inizierà a rallentare il programma quando determinati indicatori economici raggiungeranno gli obiettivi. Il calendario macro di questa settimana è fitto di dati che potrebbero fornire indicazioni, culminando venerdì con le cifre sugli occupati di novembre.

Intorno alle 17 italiane il Dow Jones cede lo 0,16%, l’S&P 500 avanza di un frazionale 0,05% e il Nasdaq dello 0,04%.

Tra i singoli titoli Dow Chemical balza del 2,4% dopo aver identificato le attività chimiche che venderà o scorporerà nell’ambito di un piano per la dismissione di asset del valore di 3-4 miliardi di dollari.

Resta sotto i riflettori il comparto retail mentre la stagione degli acquisti natalizi entra nel vivo. Sulle vendite al dettaglio degli Usa durante il fine settimana del Thanksgiving hanno pesato i forti sconti, con una spesa complessiva inferiore del 3% rispetto all’anno prima, secondo i dati di un’associazione di settore.

L’indice del settore retail cede lo 0,4%, penalizzato dal calo di quasi il 3% di Urban Outfitters , declassato a “neutral” da Sterne Agee.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below