December 11, 2009 / 6:12 PM / in 11 years

BORSA USA contrastata, dollaro forte penalizza indici

NEW YORK, 11 dicembre (Reuters) - Verso fine mattinata gli indici azionari Usa sono contrastati, con il Nasdaq appesantito dai cali di alcuni big tecnologici.

Il mercato aveva aperto con i listini in territorio positivo sulla scia di vendite al dettaglio più forti del previsto per il mese di novembre, dato che ha alimentato le speranze di una solida ripresa, ma la forza del dollaro ha poi messo sotto pressione gli indici.

Intorno alle 19,00 italiane il Dow Jones .DJI sale dello 0,53%, l’S&P 500 .SPX è in rialzo dello 0,33% mentre il Nasdaq .IXIC cede lo 0,07%.

L’indice S&P Retail .RLX avanza di un punto percentuale e il settore S&P Consumer Discretionary .GSPD mostra i maggiori guadagni tra i comparti dell’S&P.

United Technologies (UTX.N) sale di oltre il 2% dopo l’annuncio di utili attesi in crescita di circa il 10% nel 2010 grazie a tagli di costi.

Positivi anche i minerari grazie alla revisione al rialzo del prezzo obiettivo di cinque società del settore da parte di JP Morgan, tra cui Alcoa (AA.N), +6,7%.

Nel Nasdaq, Apple (AAPL.O) perde lo 0,75% dopo che il gruppo ha risposto all’azione legale avviata tempo fa da Nokia NOK1V.HE (NOK.N), annunciando a sua volta una causa nei confronti della società finlandese, sostenendo che sta infrangendo brevetti Apple.

National Semiconductor NSM.N lascia sul campo più del 4% dopo i risultati annunciati ieri sera, che hanno sollevato preoccupazioni sulla capacità del gruppo di recuperare quote di mercato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below