November 27, 2009 / 12:58 PM / 11 years ago

Wall Street - Stocks to watch del 27 novembre

NEW YORK, 27 novembre (Reuters) - Le oscillazioni dei contratti derivati fanno presagire una partenza decisamente in rosso per gli indici di Wall Street, che riaprono oggi a orario ridotto dopo la pausa della vigilia per il giorno del Ringraziamento.

Duramente colpiti nella sessione di ieri, i mercati azionari globali continuano a risentire del clima di forte avversione al rischio ispirato ai timori di contagio della crisi finanziaria in Dubai, che incoraggia invece gli acquisti rifugio in reddito fisso.

Parte degli Emirati Arabi Uniti, tra i primi esportatori mondiali di greggio, il Dubai ha annunciato ieri che intende chiedere una moratoria sul debito ai creditori delle banche pubbliche Dubai World e Nakheel in vista della ristrutturazione.

Holding finanziaria dello Stato del Golfo, Dubai World risulta ad agosto scorso indebitata per 59 miliardi di dollari, un’ampia parte del debito pubblico totale pari a 80 miliardi.

L’azionario europeo si muove intanto in modo piuttosto nervoso, con fluttuazioni brusche accentuate dalla scarsa liquidità che lo riportano poco al di sotto della linea di galleggaimento dopo la débacle dei primi scambi.

In Asia, il Nikkei giapponese ha lasciato sul terreno quasi 5%, mentre Shanghai è riuscita a limitare i danni a un -2,4%.

“Il Dubai è un problema ma non un vero shock... più che altro una coincidenza temporale con l’assenza di molti operatori a causa delle ricorrenze di Thanksgiving ieri e della festa islamica Eid oggi che esagera i movimenti dei prezzi” spiega Mic Mills di Etx Capital a Londra.

Nessun dato sull’agenda macro né trimestrali, in una seduta che chiuderà anticipatamente e per cui si ipotizzano volumi sottili.

Una prima idea su come procederà la stagione dello shopping natalizio si avrà a consuntivo dal giro d’affari di oggi, ‘black friday’ che apre ufficialmente il periodo prefestivo. Poco prima delle 14,00 il futures sullo S&P 500 SPc1 arretra di 30,50 punti (2,75%), il derivato sul Nasdaq NDc1 perde 50,25 punti (2,8%) e il contratto a dicembre sul Dow Jones DJc1 scviola di 222 punti, il 2,23% al di sotto della chiusura di mercoledì.

Il derivato sullo Standard & Poor’s viaggia così al di sotto del ‘fair value’, formula che misura il prezzo tenendo conto di tassi di interesse, dividendi e scadenza del contratto.

((Redazione Milano, Reuters messaging: alessia.pe.reuters.com@reuters.net, +39 02 66129854, milan.newsroom@news.thomsonreuters.com))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below