January 27, 2014 / 2:33 PM / 5 years ago

Scajola assolto per casa Colosseo, prescrizione per Anemone

L'ex ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola. REUTERS/Remo Casilli

ROMA (Reuters) - L’ex ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola oggi è stato assolto in merito alla compravendita di un appartamento nel centro di Roma, perché il fatto non costituisce reato.

L’imprenditore Diego Anemone è stato invece prosciolto per avvenuta prescrizione.

Il reato contestato dalla procura romana era finanziamento illecito ai partiti politici. La vicenda dell’appartamento al Colosseo rientrava nell’ambito dell’inchiesta su un presunto giro di corruzione sugli appalti per le Grandi opere.

La casa romana di Scajola nel 2010 finì al centro di una bufera mediatica al culmine della quale lo stesso ministro si dimise.

Secondo quanto appurato nel corso dell’inchiesta, l’appartamento fu pagato un milione e 700.000 euro, di cui 600.000 euro da Scajola e altri 900.000 messi a disposizione da Anemone tramite 80 assegni circolari.

Scajola ha sempre negato ogni addebito e quando la vicenda esplose sulla stampa disse che Anemone aveva versato il denaro a sua insaputa.

“Ho sempre detto la verità. Questo processo non doveva neanche iniziare perché era tutto prescritto. La decisione del giudice di assolvermi assume ancora maggiore valore”, ha detto Scajola in aula dopo l’assoluzione, dicendo di essere stato chiamato dal leader di Forza Italia Silvio Berlusconi.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below