11 febbraio 2013 / 08:45 / tra 5 anni

Berlusconi propone taglio 3% in stipendi dipendenti pubblici

ROMA (Reuters) - Silvio Berlusconi ha proposto oggi il taglio del 3% dello stipendio dei dipendenti pubblici come una delle misure necessarie per poter diminuire la pressione fiscale italiana e rilanciare la crescita del Paese.

L'ex-premier Silvio Berlusconi in una immagine di archivio. REUTERS/Sebastien Pirlet

“Per uscire dalla crisi c‘è assolutamente bisogno di tagliare le spese. Crediamo di poter dminuire ogni anno la pressione fiscale di un punto e di due punti le spese. Abbiamo esaminato tutti i capitoli di spesa tranne le pensioni: nel primo anno gli stipendi dei dipendenti potrebbero diminuire del 3% perchè quando dieci impiegati vanno in pensione se ne assumono solo quatro”, ha detto Berlusconi ospite di UnoMattina.

Berlusconi ha detto che il centrodestra è convinto anche di poter diminuire le spese per la sanità del 3% circa nel primo anno di governo e del 2% negli anni successivi introducendo “conti standard e controlli accurati”. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below