19 dicembre 2012 / 13:42 / 5 anni fa

Ue, Juncker vede Bersani in linea con Monti

* Bersani incontra a Bruxelles presidente Eurogruppo, Van Rompuy, Barroso

Il segretario del Pd Pierluigi Bersani. REUTERS/ Stringer

* Juncker dice che Bersani gli è piaciuto: “è intelligente e onesto”

* Leader Pd conferma rispetto agenda Monti con attenzione a crescita

BRUXELLES (Reuters) - Con Pier Luigi Bersani a palazzo Chigi l‘Italia non cambierebbe rotta rispetto alla politica di riforme del governo tecnico di Mario Monti.

Lo ha detto il presidente dell‘Eurogruppo Jean-Claude Juncker al termine dell‘incontro a Bruxelles con il leader del Partito democratico, dato in testa in tutti i sondaggi in vista delle politiche del prossimo anno.

“Non dico che [Bersani] sarà il prossimo presidente del Consiglio perchè spetta agli italiani decidere. Io penso che sia nell‘interesse dell‘Italia proseguire il processo di riforme iniziato da Monti magari con qualche variazione. Penso che [con Bersani] stiamo andando nella stessa direzione”, ha detto Juncker.

Il primo ministro del Lussemburgo ha anche detto di aver trovato Bersani un “uomo intelligente e onesto”, armato delle “migliori intenzioni per l‘Italia, la zona euro e l‘Unione europea”.

“Sono rimasto colpito da questo incontro”, ha proseguito.

Juncker ha ribadito di avere una ottima idea di Monti mentre non ha voluto commentare la decisione di Silvio Berlusconi di presentarsi per la sesta volta come candidato premier nel 2013.

“Non cercate di coinvolgermi nei giochi italiani, sono già molti quelli che vi partecipano”.

Da quando Monti ha annunciato che si dimetterà subito dopo l‘approvazione della legge di Stabilità entro fine anno e che Berlusconi ha annunciato che intende guidare il centrodestra molti esponenti delle istituzioni europee hanno espresso il desiderio che l‘Italia non abbandoni la politica tracciata dall‘ex commissario Ue.

Ha suscitato scalpore l‘invito del Partito popolare europeo a Monti a partecipare al vertice di giovedì scorso a Bruxelles dove, secondo quanto riferito da uno dei partecipanti a Reuters, molti interventi si sono espressi a favore di una candidatura di Monti alle politiche.

Monti non ha ancora detto cosa intende fare e lo farà solo dopo lo scioglimento delle Camere.

VAN ROMPUY: INCONTRO FRUTTUOSO

Il capo dello Stato in forma indiretta e il Pd in modo diretto hanno sconsigliato Monti dal prendere parte alla competizione elettorale per non perdere la funzione di figura di garanzia istituzionale.

Secondo fonti vicine a Monti, il presidente del Consiglio prenderà una decisione anche sulla base delle pressioni europee.

E l‘atteggiamento europeo dipenderà a sua volta da quanto credibile risulterà il programma del Partito democratico e dei suoi alleati di Sinistra, ecologia e libertà.

Anche per questo motivo Bersani ha avuto oggi una serie di incontri con le autorità europee: oltre Juncker, il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy e il presidente della Commissione Ue Josè Manuel Barroso, tutti e tre membri del Partito popolare europeo.

“Ho garantito a Barroso l‘assoluto impegno a mantenere i patti sottoscritti [con l‘Europa], ma c‘è l‘esigenza che in quei patti ci sia attenzione particolare per i temi del lavoro e della recessione,” ha detto Bersani a Bruxelles.

“Non intendiamo smontare nessuna delle riforme del governo Monti ma qualche implementazione, qualche correzione e verifica degli effetti su certe riforme va fatto”.

Lodando l‘operato del presidente del Consiglio uscente, Bersani ha inoltre detto di aver assicurato Van Rompuy che “sulla capacità riformatrice di mettere i conti a posto e di fare delle riforme [da parte di un governo di centrosinistra] non si può dubitare”.

Il segretario del Pd ha ribadito che un governo di centrosinistra rivedrebbe alcuni aspetti dell‘Imu e la affiancherebbe ad una imposta personale sui grandi patrimoni immobiliari”.

“Se qualcuno fa il demagogo e dice di abolire l‘Imu, vediamo dove trova 20 miliardi”, ha aggiunto Bersani rispondendo ad una domanda sull‘eventuale abolizione dell‘Imu caldeggiata da Berlusconi.

Secondo una fonte europea, Van Rompuy “non vuole interferire con le questioni politiche dell‘Italia ma l‘incontro con Bersani è già un segnale, anche se ciascuno è libero di dare le sue interpretazioni”.

“L‘incontro è stato fruttuoso”, ha aggiunto la fonte.

Van Rompuy, secondo la fonte, ritiene che “Monti abbia fatto un buon lavoro” e alla domanda se Bersani potrà fare altrettanto risponde: “Non vogliamo interferire con la politica italiana”. Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below