May 23, 2012 / 12:07 PM / 7 years ago

Mafia, Napolitano: non escluso ritorno a violenza stragista o terroristica

PALERMO (Reuters) - La criminalità organizzata continua ad essere “un grave problema” della società e della democrazia in Italia e non è da escludere un ritorno allo stragismo.

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a Zagabria nel luglio 2011. REUTERS/Nikola Solic

A dirlo oggi è stato il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ricordando la presenza delle varie organizzazioni criminali non solo nel Meridione, ma anche nel Nord Italia e nei circuiti internazionali.

“Che (la criminalità organizzata) possa oggi anche tentare feroci ritorni alla violenza di stampo stragista e terroristico, non possiamo escluderlo”, ha detto il capo dello Stato alla cerimonia di commemorazione del giudice Giovanni Falcone, ucciso 20 anni fa insieme alla moglie e alla scorta nella strage di Capaci, in Sicilia.

“La mafia, Cosa Nostra e le altre espressioni della criminalità organizzata rimangono ancora un problema grave della società italiana, e dunque della democrazia italiana”.

Secondo Napolitano “le diverse organizzazioni criminali - tra le quali in particolare la ‘ndrangheta, e in forme violente e spietate - hanno coltivato vecchi e nuovi traffici profittevoli e invasivi, conservando e acquisendo posizioni di potere soprattutto sul terreno economico, anche attraverso pesanti condizionamenti della vita politico-istituzionale”.

“E oggi - nel quadro della crisi generale che l’economia italiana ed europea sta attraversando, con pesanti riflessi negativi anche sulla condizione finanziaria e sulla capacità d’azione dello Stato - la compenetrazione tra la criminalità e l’attività economica è divenuta un nodo di estrema rilevanza per il Mezzogiorno”.

Il presidente della Repubblica ha poi fatto riferimento all’attentato di sabato scorso a Brindisi contro la scuola dedicata alla moglie di Falcone e che ha provocato la morte della 16enne Melissa Bassi.

“Se hanno osato stroncare la vita di Melissa e minacciare quella di altre sedicenni aperte alla speranza e al futuro, se lo hanno poi fatto a Brindisi, in quella scuola, per offendere la memoria di una donna coraggiosa, di una martire come Francesca Morvillo Falcone, la pagheranno, saranno assicurati alla giustizia”.

Napolitano ha inoltre sottolineato che oggi in Italia c’è bisogno di “un clima di effettiva serena condivisione di responsabilità”, ribadendo che sono ormai “indispensabili” per riconquistare la fiducia dei cittadini una nuova riforma elettorale e “l’avvio di incisive modifiche dell’ordinamento della Repubblica”.

“Garantire stabilità di governo, mettere in cantiere processi di riforma, questo dev’essere nella fase attuale l’impegno più largamente condiviso e sostenuto. E non ce ne faremo deviare da attacchi criminali, fenomeni di violenza e comportamenti destabilizzanti di qualsiasi matrice”.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below