April 26, 2011 / 8:31 AM / 9 years ago

Greenpeace, duemila croci per ricordare disastro Chernobyl

Un attivista di Greenpeace durante una manifestazione nelle Filippine oggi, per il 25esimo anniversario del disastro di Chernobyl. REUTERS/Romeo Ranoco

ROMA (Reuters) - Nel giorno del 25esimo anniversario del disastro nucleare di Chernobyl attivisti di Greenpeace hanno piantato all’alba al Circo Massimo duemila croci per ricordare le vittime della tragedia. Lo riferisce l’associazione no-profit in un comunicato.

“Queste croci ricordano simbolicamente le vittime di Cernobyl. Ciò che abbiamo imparato dall’incidente è che l’energia nucleare è troppo pericolosa per avere un futuro. Una lezione che molti governi, compreso il nostro, si ostinano a ignorare”, ha dichiarato Salvatore Barbera, responsabile della campagna Nucleare di Greenpeace Italia -,

L’esplosione del reattore numero 4 della centrale di Chernobyl e l’incendio che ne seguì sono passati alla storia come il più grande incidente nucleare civile di sempre, con un’emissione di radiazioni nell’atmosfera centinaia di volte superiore a quella delle bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki.

Sulle croci piantate dagli attivisti di Greenpeace c’è anche la data del 12-13 Giugno 2011, quando dovrebbe tenersi il referendum sul nucleare.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below