April 15, 2011 / 5:36 AM / 8 years ago

Gaza, ucciso cooperante italiano rapito

di Nidal al-Mughrabi

Una immagine d'archivio del cooperante italiano Vittorio Arrigoni, rapito e ucciso a Gaza da militanti islamici. REUTERS/Suhaib Salem/Files (GAZA - Tags: CIVIL UNREST POLITICS)

GAZA (Reuters) - Vittorio Arrigoni, l’attivista pacifista rapito da un gruppo della Jihad salafita nella Striscia di Gaza, è stato ucciso e il corpo, abbandonato in una casa, è stato ritrovato oggi dalle forze di sicurezza.

Lo ha fatto sapere un funzionario di Hamas e lo ha confermato una nota della Farnesina, mentre i palestinesi in contatto con i diplomatici italiani hanno detto che la salma rientrerà in Italia, via Israele, domenica.

Due uomini sono stati arrestati e altri sono ricercati per la morte del cooperante italiano, che è avvenuta per strangolamento, ha aggiunto il funzionario della sicurezza.

“La Farnesina conferma... il decesso del cittadino italiano Vittorio Arrigoni, il cui corpo è stato da poco riconosciuto presso l’obitorio dello Shifa Hospital a Gaza City”, si legge in una nota del ministero degli Esteri, che condanna “il vile e irragionevole gesto di violenza” verso “una persona innocente che si trovava da tempo in quella zona per seguire da vicino e raccontare con forte impegno personale la situazione dei palestinesi della Striscia di Gaza”.

Il gruppo, legato ad al Qaeda, aveva minacciato ieri sera di uccidere Arrigoni alle 16 di oggi ora italiana se il loro leader, arrestato da Hamas lo scorso mese, non fosse stato liberato.

“Le forze di sicurezza sono entrate in un’abitazione e hanno trovato il corpo dell’italiano, è morto”, ha detto il funzionario, che ha chiesto di rimanere anonimo, a Reuters dal luogo del ritrovamento.

Arrigoni, 36enne attivista pacifista e blogger, viveva a Gaza dell’agosto del 2008. Era arrivato a bordo di una nave con materiale umanitario consentito da Israele. Sulla vicenda la procura di Roma ha aperto un fascicolo.

“Vittorio era qui per il popolo palestinese, e loro hanno ucciso qualcuno che era qui per loro”, ha detto a Reuters l’attivista Silvia Todeschini, collega di Arrigoni a Gaza. “Ma noi rimarremo qui. Non ci cacceranno via”.

“GAZA SICURA”

Hamas insiste nell’affermare che ha il pieno controllo della Striscia di Gaza.

“Gaza è sicura e voglio rassicurare tutti coloro che visitano Gaza che sono al sicuro”, ha detto ad un giornalista francese Ismail Haniyeh, primo ministro di Hamas.

“Questo crimine è un episodio isolato...e noi applicheremo la legge nei confronti di coloro che l’hanno commesso”.

“L’obiettivo di questa depravata banda di fuorilegge è di diffondere il caos e l’anarchia nella Striscia, un disperato tentativo di turbare la stabilità e la sicurezza”, ha commentato il portavoce di Hamas, Fawzi Barhoum.

Hamas si oppone duramente ai salafiti che predicano una forma estrema di Islam e sembra stiano trovando reclute, anche da Hamas, tra coloro che sono scontenti della sua politica nei confronti di Israele.

Ehab Al-Ghssain, un portavoce del ministero dell’Interno di Hamas, ha detto che il ritrovamento è avvenuto dopo l’interrogatorio di uno degli arrestati.

“Le forze di sicurezza si sono recate immediatamente sul posto ma hanno scoperto che l’uomo era stato ucciso ore prima in modo brutale, stando a quanto riferito dal medico legale”, ha detto Ghssain.

“La loro intenzione era quella di uccidere l’uomo fin dall’inizio, perché il crimine è avvenuto poco dopo il rapimento”, ha aggiunto il portavoce del ministero dell’Interno.

Arrigoni è stato il primo straniero ad essere rapito a Gaza da quando un gruppo ispirato ad al Qaeda, l’Esercito dell’Islam, sequestrò il giornalista della Bbc, Alan Johnston, per 114 giorni prima di liberarlo nel 2007.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below