March 11, 2011 / 6:53 AM / 9 years ago

Giappone, sisma provoca tsunami, allerta nel Pacifico

TOKYO (Reuters) - Il terremoto di magnitudo 8.9 che ha colpito oggi la costa nordorientale del Giappone, il più forte in 140 anni, ha innescato un’onda anomala di 10 metri che ha trascinato via tutto quello che ha trovato sulla sua strada, compresi edifici, imbarcazioni e auto.

Gente in strada a Tokyo dopo il terremoto di magnitudo 8.9. REUTERS/Toru Hanai

La Croce Rossa a Ginevra dice che il muro d’acqua era più alto di alcune isole del Pacifico ed è stato diffuso un allerta tsunami per l’intera area del Pacifico, fatta eccezione per Stati Uniti e Canada, ma le Hawaii hanno disposto l’evacuazione delle zone costiere.

Almeno 22 persone sono morte a causa del sisma e dello tsunami, riferisce l’agenzia stampa Kyodo, ma il bilancio potrebbe salire in modo significativo.

Il terremoto ha provocato molti feriti, incendi e ha spinto le persone nelle aree costiere e cercare rifugio in alto per sfuggire allo tsunami.

“Ero terrorizzato e sono ancora spaventato”, ha detto Hidekatsu Hata, 36 anni, manager di un ristorante cinese nel quartiere di Akasaka nella capitale. “Non ho mai sentito un terremoto così forte prima”.

Alcune centrali nucleari e raffinerie sono state chiuse, e una raffineria e un’acciaieria sono in fiamme.

E’ stata convocata una riunione ministeriale sulle centrali nucleari, dopo che i media hanno riferito che il governo vuole dichiarare l’emergenza nucleare, prevista in caso di fuoriuscite di materiale radioattivo o di malfunzionamento al sistema di raffreddamento del reattore.

Circa 4,4 milioni di abitazioni sono senza elettricità nel nord del Giappone, riferiscono i media. Un hotel è crollato nella città di Sendai e si teme che delle persone siano sotto le macerie.

Il gigante dell’elettronica Sony, uno dei maggiori esportatori del Paese, ha chiuso sei fabbriche, riferisce Kyodo, mentre jet dell’aeronautica sulla costa nordorientale cercano di determinare la portata dei danni.

La Banca del Giappone ha annunciato che farà il possibile per assicurare stabilità al mercato finanziario, mentre lo yen e le azioni giapponesi scendono.

Il Pacific Tsunami Warning Center ha diffuso allerta tsunami per i Paesi dell’area Pacifico, fino alla Colombia e al Perù.

Ci sono state diverse forti scosse dopo quella principale di magnitudo 8.9. A Tokyo gli edifici hanno tremato violentemente. Una raffineria vicino alla città è andata a fuoco. All’aeroporto Narita della capitale i passeggeri sono stati evacuati.

Immagini televisive mostrano lo tsunami che trascina le macerie e vari incendi in una vasta fascia costiera vicino alla città di Sendai, che ha un milione di abitanti. Sendai, 300 chilometri a nordest di Tokyo, non è lontana dall’epicentro del sisma, localizzato in mare.

La tv Nhk mostra fiamme e fumo nero alzarsi da un edificio a Odaiba, un quartiere di Tokyo, e i treni superveloci verso il nord del Paese sono stati sospesi. Fumo nero si alza anche da un’area industriale nella zona di Isogo, a Yokohama.

La prefettura occidentale di Wakayama ha ordinato l’evacuazione di 200mila persone dopo successivi allerta tsunami.

“L’edificio ha tremato per un tempo che è sembrato lungo e molte persone nella redazione hanno indossato i caschi e alcune si sono infilate sotto le scrivanie”, ha detto la corrispondente Reuters Linda Sieg. “E’ stato probabilmente il peggiore che ho sentito da quando sono arrivata in Giappone più di 20 anni fa”.

Tutti i porti del Giappone sono stati chiusi e le operazioni sospese, dicono le società di spedizioni, e la Japan Airlines - riferisce l’agenzia stampa Jiji - sta modificando le destinazioni e ha respinto 27 voli tra internazionali e interni.

Il terremoto si è verificato poco prima della chiusura della Borsa di Tokyo, provocando una chiusura negativa, la peggiore in cinque settimane. Il disastro ha impattato anche su altri mercati, facendo registrare un ribasso degli assicurativi europei.

La costa nordorientale del Giappone sul Pacifico, Sanriku, in passato è stata colpita da terremoti e tsunami e un sisma di magnitudo 7.2 si era verificato mercoledì.

Nel 1933, un sisma di magnitudo 8.1 nella zona provocò la morte di oltre 3.000 persone.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below