October 19, 2010 / 4:35 PM / in 9 years

Grandi Eventi, Camera nega autorizzazione procedere per Lunardi

L'ex ministro dei Trasporti Pietro Lunardi. REUTERS/Tullio Puglia CLH/TY

ROMA (Reuters) - La Camera dei deputati ha negato oggi pomeriggio l’autorizzazione a procedere nei confronti dell’ex ministro del centrodestra Pietro Lunardi, indagato per corruzione insieme all’arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, per l’acquisto a prezzo di favore di un immobile del Vaticano.

I magistrati di Perugia indagano sulla vendita a Lunardi nel 2004 di un immobile della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, la ex Propaganda Fide, all’epoca guidata da Sepe.

Nel 2005 Lunardi, da ministro delle Infrastrutture, avrebbe poi approvato un decreto che finanziava il restauro di edifici religiosi storici, tra cui la stessa sede di Propaganda Fide, nei pressi di piazza di Spagna a Roma.

Secondo la relazione dei magistrati, sostenuta anche da un accertamento della Corte dei Conti, non esistevano i presupposti per autorizzare il finanziamento pubblico alla Congregazione, e ci sarebbe una sproporzione tra il prezzo di acquisto dell’immobile venduto a una società di Lunardi e il suo valore effettivo.

L’ex ministro è solo l’ultimo di una serie di indagati “eccellenti” nell’inchiesta sulla cosiddetta “cricca” che avrebbe pilotato una serie di importanti appalti, e che viene seguita nei suoi diversi tronconi dai pm di Perugia, Roma e Firenze.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below