June 17, 2010 / 1:23 PM / 9 years ago

Caso Cucchi, chiesto il rinvio a giudizio per i 13 indagati

ROMA (Reuters) - Tredici richieste di rinvio a giudizio sono state formulate per le persone indagate per la morte di Stefano Cucchi, il giovane deceduto nell’ottobre 2009 in un ospedale di Roma una settimana dopo essere stato arrestato per droga.

Lo hanno riferito fonti giudiziarie, dopo che alla fine dello scorso aprile la Procura capitolina aveva ufficialmente chiuso l’indagine.

Per la morte del 31enne Cucchi, il cui caso è stato anche al centro di un’inchiesta parlamentare, sono stati richiesti rinvii a giudizio per nove medici, quattro guardie carcerarie e un funzionario del Dap, l’amministrazione delle carceri, hanno detto le fonti.

Gli agenti sono accusati di lesioni e abuso di autorità, e i medici, a vario titolo, di favoreggiamento, abbandono di persona incapace — la cui pena può arrivare a 8 anni di carcere — abuso d’ufficio e falso ideologico.

Inizialmente le guardie carcerarie erano state accusate di omicidio preterintenzionale e i medici di omicidio colposo, che prevede una pena fino a 5 anni di reclusione.

Secondo le conclusioni della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio sanitario nazionale, rese note lo scorso 17 marzo, Cucchi sarebbe morto per disidratazione ma anche per responsabilità dei medici dell’ospedale dove era ricoverato, che non si sarebbero resi conto della gravità della sua situazione.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below