January 25, 2010 / 7:35 AM / 10 years ago

Myanmar, ministro annuncia liberazione di Suu Kyi a novembre

Una manifestazione in difesa di Aung San Suu Kyi in Australia. REUTERS/Anindha Parthy

YANGON (Reuters) - La leader filo-democratica del Myanmar Aung San Suu Kyi sarà rimessa in libertà quando scadrà il termine dei suoi arresti domiciliari a novembre. Lo ha detto un ministro del governo del Myanmar, secondo quanto riferito da testimoni, anche se potrebbe essere troppo tardi per le elezioni di quest’anno.

Il ministro dell’Interno Maung Oo ha detto, in un meeting con funzionari locali, che la 64enne vincitrice del premio Nobel per la pace sarà rilasciata a novembre, un mese dopo le previste elezioni parlamentari, le prime da 20 anni.

Non è stato possibile verificare l’informazione in maniera indipendente ma tre testimoni hanno affermato di aver sentito il ministro dell’Interno fare questo annuncio dinanzi a centinaia di persone a Kyaukpadaung, città che si trova a 565 chilometri a nord dell’ex capitale del Myanmar, Yangon.

Suu Kyi, agli arresti per 14 degli ultimi 20 anni, è stata condannata a ulteriori 18 mesi di detenzione lo scorso agosto, dopo aver ospitato un americano che era riuscito a nuotare fino alla sua residenza, violando così i termini degli arresti domiciliari e la legge che protegge lo stato dalla presenza di “elementi sovversivi”.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below