January 8, 2010 / 8:31 AM / 10 years ago

Sommossa Rosarno, Maroni: colpa dell'immigrazione clandestina

Immagine d'archivio di una sistemazione di fortuna per immigrati usati per la raccolta dei prodotti agricoli in Sud Italia. REUTERS/Tony Gentile (ITALY POLITICS HEALTH EMPLOYMENT BUSINESS)

ROMA (Reuters) - Per il ministro dell’Interno Roberto Maroni gli incidenti avvenuti ieri a Rosarno, il Calabria, dove centinaia di immigrati hanno distrutto auto in sosta e si sono scontrati con la polizia - apparentemente per protestare contro un’aggressione contro due extracomunitari - sono dovuti all’immigrazione clandestina.

“E una situazione difficile come in altre realtà perché in tutti questi anni è stata tollerata, senza fare nulla di efficace, un’immigrazione clandestina che ha alimentato da una parte la criminalità e dall’altra ha generato situazioni di forte degrado come quella di Rosarno”, ha detto oggi il ministro nel corso della trasmissione “Mattino 5” di Canale 5.

“Stiamo intervenendo... con i mezzi e con tempi necessari, abbiamo per ora fatto una cosa molto importante, e cioè sostanzialmente porre fine all’immigrazione clandestina, agli sbarchi... che hanno alimentato queste situazioni di degrado e a poco a poco porteremo alla normalità situazioni che vanno riportate alla normalità”.

Secondo i media, la protesta degli immigrati - che lavorano alla raccolta degli agrumi e degli ortaggi e vivono in capannoni fatiscenti fuori dai centri abitati - è scattata per il ferimento di due extracomunitari a colpi di fucile da caccia da parte di persone non identificate.

Nel dicembre 2008 l’organizzazione non governativa Medici Senza Frontiere era intervenuta a Rosarno e nella Piana di Gioia Tauro con una squadra di operatori umanitari e aveva denunciato di aver “individuato una popolazione di almeno 1500 migranti che versano in condizioni spaventose”.

“A Rosarno e San Ferdinando i lavoratori vivono in due fabbriche dismesse... - aveva detto Msf in un comunicato - Sfruttamento sul lavoro, scarso accesso alla salute, alloggi totalmente inadeguati ed episodi di violenza costituiscono la realtà quotidiana degli stagionali in quest’area. Le condizioni igienico sanitarie in cui versano i lavoratori stagionali sono inaccettabili”.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below