August 28, 2009 / 11:38 AM / 10 years ago

Polemiche governo-Chiesa, Berlusconi non va a L'Aquila

Silvio Berlusconi in una foto d'archivio. Sullo sfondo, un Crocifisso. REUTERS/ Stefano Rellandini SR/JV

ROMA (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha annullato oggi la sua partecipazione a L’Aquila per le celebrazioni della Perdonanza, in ricordo di Papa Celestino V, dove era atteso anche per un incontro col cardinale Tarcisio Bertone.

Ne dà notizia una nota della sala stampa del Vaticano in cui si spiega che, “per evitare strumentalizzazioni”, il premier ha delegato il sottosegretario Gianni Letta, riunitosi stamani a Palazzo Grazioli con Berlusconi e Paolo Bonaiuti.

Che i rapporti tra Palazzo Chigi e Oltretevere siano in una fase molto delicata, lo dimostra anche la querelle Il Giornale-Avvenire, un botta e risposta tra quotidiani che rispecchia la tensione — e i tentativi di ricucire — tra le rispettive aree di riferimento.

Il quotidiano di proprietà del fratello del presidente del Consiglio oggi ha attaccato frontalmente Dino Boffo, direttore del giornale dei vescovi in passato critico nei confronti dello stile di vita del premier, in un editoriale a firma del direttore Vittorio Feltri dal quale Berlusconi nel pomeriggio si è dissociato.

“Il principio del rispetto della vita privata è sacro e deve valere sempre e comunque per tutti. Ho reagito con determinazione a quello che in questi mesi è stato fatto contro di me usando fantasiosi gossip che riguardavano la mia vita privata presentata in modo artefatto e inveritiero”, ha detto il premier in una nota. “Per le stesse ragioni di principio non posso assolutamente condividere ciò che pubblica oggi il Giornale nei confronti del direttore di Avvenire e me ne dissocio”.

Il Giornale aveva scritto di una sentenza definitiva di patteggiamento contro Boffo per molestie risalente al 2001 su un presunto scandalo a sfondo sessuale.

Il direttore di Avvenire aveva già risposto direttamente dalle pagine del sito Web del quotidiano cattolico, definendo l’attacco “un killeraggio giornalistico allo stato puro sul quale è inutile scomodare parole che abbiano a che fare anche solo lontanamente con la deontologia”.

Solidarietà a Boffo è arrivata anche dalla Conferenza episcopale italiana, che ha confermato “piena fiducia al direttore di Avvenire, giornale da lui guidato con indiscussa capacità professionale, equilibrio e prudenza”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below