August 7, 2019 / 8:26 AM / 3 months ago

Tonfo 'kiwi' dopo taglio tassi Nuova Zelanda più ampio del previsto

Una banconota neozelandese. REUTERS/Dennis Owen (SINGAPORE)

LONDRA (Reuters) - Il dollaro neozelandese ha lasciato sul terreno il 2% dopo che la banca centrale ha sorpreso i mercati con un taglio dei tassi di interesse più aggressivo del previsto e ha segnalato la possibilità di tassi negativi, spingendo verso il basso anche il dollaro australiano e innescando la corsa allo yen.

Il ‘kiwi’ neozelandese ha toccato il livello più basso da inizio 2016. Al momento perde l’1,8% circa a 0,6408 dollari.

Mentre le banche centrali negli ultimi mesi si sono mostrate via via più accomodanti a livello globale, l’entità del taglio operato dalla Reserve Bank of New Zealand ha preso i mercati alla sprovvista, con una riduzione di 50 punti base contro i 25 attesi che ha portato il tasso all’1%.

I mercati scommettono che dopo la mossa di Rbnz anche la banca centrale australiana taglierà i tassi prima e in maniera più decisa del previsto. Il dollaro australiano perde lo 0,6% a 0,6720 dollari.

Lo yen, considerato valuta rifugio, guadagna circa lo 0,2% a 106,2 dollari. Non è ancora tornato però ai livelli di lunedì, quando l’escalation delle tensioni Usa-Cina aveva diffuso il panico tra gli investitori.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below