February 12, 2019 / 7:04 PM / 9 months ago

Verhofstadt contesta Conte: "burattino" di Salvini e Di Maio

STRASBURGO (Reuters) - Dibattito acceso e contestazioni per il premier italiano, Giuseppe Conte, invitato oggi pomeriggio a intervenire alla plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo.

Nel corso delle repliche, il leader dei liberali dell’Alde ed ex presidente belga, Guy Verhofstadt, ha chiesto a Conte: “Per quanto tempo ancora sarà il burattino mosso da [i vicepremier, Luigi] Di Maio e [Matteo] Salvini?”.

Parlando in italiano, ha proseguito: “Io amo l’Italia ma oggi mi fa male vedere la degenerazione politica di questo Paese, iniziata 20 anni fa con Berlusconi e peggiorata con questo governo”.

Il premier incassa il sostegno del Movimento e 5 Stelle, che parla di intervento “offensivo e privo di contenuti”.

Lo stesso Conte replica all’europarlamentare belga: “Io non sono un burattino, forse i burattini sono coloro che rispondono a lobby e comitati d’affari”.

Duro il vicepremier Salvini, chiamato in causa da Verhofstadt: “Che alcuni burocrati europei, complici del disastro di questi anni, si permettano di insultare il presidente del consiglio, il governo ed il popolo italiano è davvero vergognoso”.

Poi l’avviso di sfratto in vista delle prossime elezioni Europee: “Le élite europee contro le scelte dei popoli. Preparate gli scatoloni, il 26 maggio i cittadini finalmente manderanno a casa questa gente”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below