January 23, 2019 / 7:50 AM / 10 months ago

Popolare Bari studia combinazione con altre popolari del Sud

MILANO (Reuters) - Popolare di Bari ha allo studio una possibile combinazione con altre banche popolari del Sud Italia.

banconote di euro. REUTERS/Kai Pfaffenbach

Lo riferiscono due fonti vicine alla situazione.

Da tempo considerata sul mercato come un possibile focolaio di crisi, la banca pugliese parlava di “elevata e oggettiva difficoltà nel reperire nuove risorse finanziarie” nel documento di bilancio 2017.

Una delle ultime due grandi popolari, con Sondrio, che devono completare il processo di riforma, Bari sta provando a fare la trasformazione in Spa creando però, secondo le fonti, una holding che mantenga lo status mutualistico attuale e una sub-holding che avrebbe la forma di società per azioni.

Una delle fonti dice che la banca vorrebbe separare in un veicolo ad hoc i suoi crediti in sofferenza a trasferire gli asset buoni nella Spa.

L’idea sarebbe poi quella di aggregare altre popolari non quotate del sud, che trasferirebbero i loro asset nella subholding.

Le due fonti hanno riferito che la Popolare di Bari, come pure altre popolari, sono state incoraggiate dalla Vigilanza della Banca d’Italia a considerare aggregazioni.

Un’altra fonte che sta seguendo il dossier dice che questo è un progetto ancora non definito e rientra tra le diverse opzioni a cui stanno lavorando gli istituti del settore. Sono iniziative oggetto di discussione in cui la Banca d’Italia non è stata ancora formalmente coinvolta, spiega la fonte.

In molte occasioni, anche recenti, Banca d’Italia ha sollecitato collaborazioni e integrazioni in questo segmento del credito. Il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, per esempio, nel suo intervento all’assemblea Abi di luglio scorso, osservava che “la trasformazione in società per azioni consente di attuare operazioni di concentrazione altrimenti difficilmente realizzabili, con benefici per l’intero sistema bancario”.

E nelle Considerazioni finali del maggio scorso, il governatore sottolineava come “le piccole banche popolari potrebbero beneficiare, come in altri paesi, della realizzazione di un meccanismo di ‘protezione istituzionale’, basato su accordi di sostegno reciproco in caso di difficoltà, con vantaggi nel calcolo dei requisiti patrimoniali; sarebbe un passo verso forme più strette di integrazione”.

(Valentina Za, Paola Arosio)

— Ha contribuito da Roma Stefano Bernabei

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below