November 2, 2018 / 3:26 PM / a year ago

Zona euro, 10 Paesi chiedono automatismo su ristruttrazione debito pubblico

Monete da 2 euro, Vienna, Austria, November 16, 2017. REUTERS/Leonhard Foeger

BRUXELLES (Reuters) - Dieci ministri delle Finanze dell’Unione europea vogliono che i debiti non sostenibili nella zona euro euro vengano sottoposti a ristrutturazione, con perdite imposte al settore privato, prima che sia organizzato un piano di salvataggio pubblico.

E’ quanto emerge da un documento congiunto di dieci ministri messo a punto tra crescenti timori che la spesa dell’Italia possa provocare un’altra crisi del debito.

Il documento è stato predisposto in vista dell’Eurogruppo di lunedì prossimo e reca le firme di Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Olanda, Svezia e Slovacchia. Sebbene non l’abbiano firmato, anche Germania a Austria condividono questa posizione.

I 19 Paesi che condividono l’euro hanno a disposizione un fondo di salvataggio, l’’European Stability Mechanism’ (Esm), una sorta di prestatore di ultima istanza per quei governi che hanno perso l’accesso al mercato.

I dieci ministri che hanno firmato il documento chiedono anche che il ruolo dell’Esm nella ristrutturazione del debito venga definita con più chiarezza.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below