26 settembre 2017 / 11:13 / tra 22 giorni

Banche in crisi, Senato vota mozione su manager, Mdp con governo

L'aula del Senato. Foto del 14 dicembre 2016. REUTERS/Alessandro Bianchi

ROMA (Reuters) - Il governo ha superato il primo banco di prova autunnale in Senato, dove Mdp e opposizioni si sono allineati alla maggioranza nel votare la mozione unitaria sulle sanzioni ai manager di banche in crisi.

La formazione politica di Massimo D‘Alema e Pier Luigi Bersani, nata da una scissione nel Partito democratico, ha avvertito che il sostegno all‘esecutivo non è più scontato dopo il congelamento della legge sullo ‘ius soli’, cioè il diritto a diventare cittadini per coloro che sono nati in Italia anche da genitori stranieri.

A Palazzo Madama il premier Paolo Gentiloni non gode di una solida maggioranza e la settimana prossima si dovrà approvare la Nota di aggiornamento al Def, che richiede la maggioranza assoluta di 161 voti favorevoli.

La mozione, approvata all‘unanimità con 196 sì, impegna il governo a “favorire tempestivamente un‘iniziativa normativa sulla responsabilità” di amministratori e organi di controllo delle banche.

Viene inoltre chiesto di rimettere mano al quadro sanzionatorio rendendo ”più agevole“ infliggere pene accessorie come ”l‘interdizione perpetua dai pubblici uffici e dall‘esercizio delle professioni.

Senza contare le garanzie pubbliche, il ministero dell‘Economia ha iniettato 10,2 miliardi a copertura del fabbisogno di capitale di Mps, Veneto Banca e Popolare di Vicenza, secondo quanto si legge nella Nota di aggiornamento.

Il sostegno alle banche in crisi resterà un tema caldo dell‘agenda parlamentare.

Il 27 si riunirà per la prima volta la commissione d‘inchiesta sul sistema creditizio, che dovrà indagare anche sull‘efficacia delle autorità di vigilanza: Bankitalia e Consob.

I lavori inizieranno quando nel vivo della partita per la scelta del nuovo governatore di Via Nazionale, poiché il mandato di Ignazio Visco scade a inizio novembre.

Matteo Renzi, ex premier e leader del Pd, ha definito un errore essersi affidato a Bankitalia nella gestione dei casi di crisi e Visco potrebbe essere uno dei primi ad essere ascoltato dalla commissione.

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below