21 settembre 2017 / 10:59 / 3 mesi fa

Libia, gruppo armato cerca legittimazione, offre blocco migranti

ROMA/TUNISI (Reuters) - Un potente gruppo armato, coinvolto nel traffico di esseri umani dalla Libia, sta cercando di legittimarsi e di ottenere impieghi di Stato nel settore della sicurezza dal governo di Tripoli in cambio del blocco alle partenze dei barconi dalle coste di Sabrata verso l’Italia. Lo rivela un componente di alto livello dell’organizzazione.

Migranti salvati in mare, al largo della città libica di Sabrata. REUTERS/Darrin Zammit Lupi

Il gruppo, la brigata Anas al-Dabbashi, quest’estate ha raggiunto un accordo per bloccare il traffico con il governo libico di unità nazionale (GNA) sostenuto dalle Nazioni Unite, ha rivelato a Reuters l’esponente dell’organizzazione, che si è identificato come Mohamed.

La necessità per il GNA di raggiungere un simile accordo rifletterebbe il potere dei gruppi armati attivi nella Libia occidentale, che localmente detengono il potere effettivo dalla rivolta del 2011, che portò alla deposizione di Muammar Gheddafi.

La rivelazione farebbe anche luce sulla precarietà della netta riduzione negli arrivi di migranti registrata negli ultimi tempi in Italia, lungo la rotta che ha sostituito quella dell‘Egeo nelle preoccupazioni dell’Europa.

Il GNA non ha risposto alla richiesta di commenti.

Fonti locali, che hanno voluto rimanere anonime, hanno dichiarato che c’è stato almeno un incontro tra funzionari del governo e Ahmed al-Dabbashi, indicato come uno dei maggiori “facilitatori” del traffico di esseri umani in Libia in un rapporto Onu pubblicato quest’anno.

Mohamed ha detto che gli incontri sono stati più di uno, e che alla brigata è stata offerta anche la possibilità di un’amnistia per le attività legate al traffico svolte in passato.

Per mostrare la propria capacità di sostenere un accordo con Tripoli il gruppo, composto da centinaia di uomini, ha imposto con l’aiuto della guardia costiera un giro di vite sulle partenze che il mese scorso ha portato a un crollo dell’80% degli arrivi di migranti in Italia, ha aggiunto Mohamed.

Con le elezioni che incombono nella prima parte dell’anno prossimo il governo italiano, che ha accolto con favore l’improvviso calo degli arrivi fotografato dai dati ufficiali, è sotto pressione per dimostrare che può bloccare, o quantomeno rallentare, gli arrivi di migranti dallo Stato produttore di petrolio.

La Libia rimane divisa tra gruppi politici rivali e alleanze armate. Il GNA ha lottato per imporre la propria autorità su Tripoli e su alte parti della Libia occidentale, ed è stato respinto dalle fazioni che controllano la parte est del Paese.

 

COME UNA NORMALE POLIZIA

Mohamed ha rivelato che il GNA, a cui l’Italia chiede di bloccare i flussi di migranti, sta facendo pressione sulla brigata Dabbashi. Il GNA “ha detto che avrebbe creato una coalizione di tutte le città della Libia occidentale contro di noi, per combatterci”.

“Dall’altra parte, ci hanno offerto di unirci alla polizia e all’esercito”, aggiunge Mohamed. “Se questo piano andasse avanti e il governo (di Tripoli) stesse dicendo la verità... in sei mesi tutto questo battaglione diventerebbe normale polizia”.

Una seconda fonte a Sabrata ha parlato con Ahmed al-Dabbashi, il quale ha confermato che Mohamed è un membro della brigata. È la prima volta che un membro della brigata parla in maniera diffusa del perché il gruppo sia improvvisamente passato da attività di traffico ad attività di polizia, un cambiamento che Reuters aveva segnalato per prima il mese scorso. [nL8N1L81QN]

Alcuni media internazionali hanno riferito che Dabbashi avrebbe ricevuto cinque milioni di euro direttamente dai servizi segreti italiani per bloccare le barche di migranti, ma Mohamed nega questa ricostruzione. Anche l’Italia ha smentito qualsiasi pagamento diretto ai gruppi armati.

La fragilità della situazione a Sabrata in termini di sicurezza è stata sottolineata dagli scontri territoriali scoppiati nel fine settimana, con il gruppo Dabbashi coinvolto in alcuni tra i confronti armati più pesanti registrati in città negli ultimi anni.

Le esplosioni si sentivano fino al porto di Zawiya, a 22 chilometri di distanza.

Entrambe le parti coinvolte nella contesa sostengono di avere l’appoggio del governo di Tripoli, e l’anno scorso hanno combattuto assieme per scacciare le forze di Stato islamico dalla zona.

 

“UN MINIMO DI INTELLIGENZA”

Con l’Italia e l’Unione europea che offrono milioni di euro alle autorità locali libiche capaci di bloccare il traffico, i gruppi armati hanno interesse a provare di essere gli unici nelle condizioni di controllare il territorio.

“Quest’affare del traffico... tutti sanno che la Libia non rimarrà così per sempre”, dice Mohamed. “Se hai anche un minimo di intelligenza, vai con il governo”.

Come risultato della sorveglianza da parte di Dabbashi e delle intercettazioni dei barconi da parte della guardia costiera, gli arrivi in Italia di migranti salvati in mare sono diminuiti del 50% a luglio rispetto a un anno prima, e di oltre l’80% ad agosto. Negli ultimi tre anni, questi due mesi sono stati quelli di picco.

I dati ufficiali dicono che ci sono stati complessivamente più di 100.000 arrivi in Italia quest’anno, in diminuzione di oltre il 20% rispetto al 2016.

Per tenere a freno il traffico, l’Italia è in prima fila nel tentativo di rafforzare la guardia costiera libica, e sta trattando direttamente con le autorità locali, incluso il sindaco di Sabrata Hussein al-Thwadi, a cui offre incentivi per fermare i flussi.

 

IL PERDONO SUL TAVOLO

Thwadi ha cercato sostegno direttamente dall’Italia, incontrando l’ambasciatore italiano questo mese e il ministro dell’Interno Marco Minniti a luglio.

La brigata Dabbashi, che sorveglia anche un impianto di estrazione di gas e petrolio a ovest di Sabrata gestito dalla Compagnia nazionale petrolifera libica (NOC) e dall’italiana Eni, ha negato qualsiasi contatto diretto con l’Italia. E’ alleata con la Brigata 48, un gruppo di circa 300 soldati allineati al GNA.

“Abbiamo accordi soltanto con il governo (di Tripoli)”, dichiara Mohamed. “Ci hanno detto che potrebbero perdonare tutto ciò che abbiamo fatto in passato”, aggiunge, facendo riferimento al traffico di esseri umani.

Ma non è chiaro se il governo di Tripoli potrà mantenere le promesse di inserire gli uomini di Dabbashi nei propri ranghi, o se altri gruppi potranno contenere le forze che intendono andare avanti con il traffico.

Sabato esponenti della guardia costiera libica hanno comunicato di aver riportato indietro oltre 1.000 migranti che viaggiavano in almeno otto barche. Quello stesso giorno, la brigata Dabbashi ne ha intercettati altri 3.000, dice Mohamed. Più di 1.500 sono stati salvati in mare e portati in Italia.

“Molte persone ci stanno facendo pressione perché smettiamo”, dice Mohamed a proposito del giro di vite imposto da Dabbashi sulle partenze di migranti. “Vogliono riprendere (con il traffico di esseri umani)”. 

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below