18 agosto 2017 / 14:16 / tra 2 mesi

Spagna, bilancio vittime sale a 14, tra cui due italiani

BARCELLONA/ROMA (Reuters) - La Spagna è impegnata in una vasta operazione anti-terrorismo dopo che ieri un presunto militante fondamentalista islamico ha lanciato un furgone contro la folla a Barcellona in cui sono morte 13 persone prima di scappare.

In tarda mattinata, i servizi di emergenza catalani hanno detto che il bilancio delle vittime è salito a 14 dopo che una donna, ferita nella città di Cambrils, è morta.

Nell‘attentato - rivendicato dallo Stato islamico e che ha provocato oltre 100 feriti, di cui alcuni gravi - hanno perso la vita anche due italiani, secondo la Farnesina che non ha fornito i nomi delle vittima e parla anche di tre connazionali feriti.

Poco prima la notizia della morte di Bruno Gulotta, 35enne lombardo, era stata diffusa dal sito dell‘azienda per il quale l‘uomo, che era in vacanza con la compagna e due figli piccoli, lavorava.

Mentre le forze di sicurezza stanno dando la caccia all‘autista del furgone, che è stato visto scappare a piedi, la polizia ha riferito di aver ucciso nella notte i cinque componenti di un gruppo che stava mettendo in atto un altro attacco nella città di Cambrils.

Sono ancora pochi i dettagli noti su questo episodio che secondo la polizia è collegato all‘attentato a Barcellona e in cui diversi civili e un poliziotto sono rimasti feriti dopo che i membri del gruppo hanno cercato di lanciare l‘auto contro la folla, prima che la polizia li uccidesse.

Gli assalitori di Cambrils indossavano cinture esplosive rivelatesi poi finte, secondo quanto riferito dal responsabile della Regione, Carles Puigdemont alla radio RAC1.

Poco prima della mezzanotte di mercoledì, una persona era rimasta uccisa in un‘espolosione verificatasi in una casa a sud-ovest di Barcellona.

In relazione all‘accaduto due persone -- una marocchino e un uomo dell‘enclave spagnola di Melilla -- sono state arrestate ma nessuno dei due era alla guida del furgone. Secondo un‘emittente radiofonica un‘altra persona è stata arrestata nella cittadina catalana di Ripoll.

“CELLULA COMPOSTA DA ALMENO OTTO PERSONE”

Le autorità spagnole che stanno indagando sul caso ritengono che la cellula degli attentatori fosse composta da almeno otto persone, forse 12, e che stessero pianificando un attentato con bombole di gas, secondo quanto riferito da una fonte giudiziaria.

Non è ancora chiaro quante persone fossero coinvolte nell‘attentato col furgone e negli altri episodi verificatisi ieri.

Le vittime dell‘attentato sulle Ramblas provengono da 24 diversi Paesi, secondo quanto riferito dal governo catalano, dalla Francia alla Germania al Pakistan e alle Filippine. Secondo i media spagnoli ci sarebbero molti bambini tra le vittime.

Intanto il ministro dell‘Interno, Marco Minniti, ha convocato per stamani al Viminale una riunione straordinaria del Comitato di Analisi Strategica Antiterrorismo (CASA). Ieri sera, il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha detto in una nota di aver disposto una missione a rafforzamento del Consolato per supportare gli italiani in Spagna. Per questo alcuni uomini della Unità di Crisi sono stati inviati a Barcellona.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below