18 maggio 2017 / 08:55 / 7 mesi fa

Bce, Coeurè: non dovrebbe aspettare troppo prima di ridurre stimolo

FRANCOFORTE (Reuters) - La Banca centrale europea non dovrebbe aspettare troppo prima di ridurre lo stimolo monetario, quando sarà assodato che l‘inflazione si è ripresa, e potrebbe -- in teoria -- alzare prima i tassi d‘interesse se fosse necessario.

Lo ha detto il membro del comitato esecutivo dell‘istituto centrale di Francoforte Benoit Coeurè in un‘intervista a Reuters.

Con l‘inflazione della zona euro appena sotto il 2% e la crescita ai livelli migliori da diversi anni, la Bce comincia ad avvertire le pressioni della Germania, principale economia del blocco, affinchè venga avviata la chiusura del programma di acquisto bond da 2.300 miliardi di euro e sia avviato un percorso di risalita del del tasso d‘interesse di riferimento, attualmente sotto zero.

“Troppo gradualismo nella politica monetaria comporta il rischio di aggiustamenti di mercato più bruschi quando la decisione sarà finalmente presa”, avverte Coeuré, che sembra avere una visione diversa dal vice-presidente Bce Vitor Constancio e del capoeconomista Peter Praet, fautori di una linea più prudente.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below