17 maggio 2017 / 15:44 / tra 5 mesi

Ilva, entro 24 maggio ok a rientro in Italia 1,3 mld famiglia Riva

MILANO (Reuters) - Sarà firmata entro il 24 maggio la transazione tra la famiglia Riva e Ilva per il rientro in Italia di 1,3 miliardi di euro, attualmente in Svizzera, da destinare al risanamento ambientale dell‘impianto siderurgico di Taranto e per la gestione della società con l‘impegno delle parti a ritirare i procedimenti in corso.

Lo riferiscono fonti legali, dopo che l‘udienza preliminare a carico di Adriano Riva, che ha chiesto di patteggiare 2 anni e sei mesi, è stata aggiornata al prossimo 24 maggio.

La posizione degli altri due imputati, Fabio e Nicola Riva, è stata stralciata e aggiornata al prossimo 6 luglio.

La settimana scorsa, la Corte dell‘isola britannica di Jersey, dove hanno sede gli otto trust che controllano i depositi della famiglia Riva nella banca Ubs in Svizzera ha deciso di sbloccare la somma di 1,3 miliardi.

Ora spetta al Tribunale Federale di Losanna, che aveva fatto istanza di sblocco dei fondi a Jersey, decidere se far rientrare in Italia le somme confiscate alla famiglia Riva dalle procure di Milano e di Taranto.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below