19 settembre 2016 / 07:37 / in un anno

Borsa Milano chiude tonica, banche miste con UniCredit +4%, Mps a nuovo minimo

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in territorio positivo -- pur sotto i massimi di seduta -- dopo le pesanti perdite di venerdì, in un contesto che vede prevalere gli acquisti su tutte le borse internazionali.

Ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

La ripresa delle quotazioni del greggio spinge i titoli petroliferi mentre le banche tentano il rimbalzo dopo la pioggia di vendite che venerdì si è abbattuta sul settore per la notizia di una maxi-multa da 14 miliardi di dollari chiesta a Deutsche Bank dalle autorità Usa.

** L‘indice FTSE Mib chiude con un progresso dell‘1,28% e l‘Allshare guadagna l‘1,17%. Volumi nel finale intorno a 1,7 miliardi di euro.

** Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 sale dell‘1% e a Wall Street gli indici guadagnano circa mezzo punto percentuale.

** Il paniere dei bancari italiani avanza del 2,2%, sostenuto in particolare dalle big UNICREDIT (+4,3% dopo il -5,8% di venerdì) e INTESA SANPAOLO (+2,5%). In progresso dello 0,9% il settore europeo, dove Deutsche Bank continua a soffrire (-2,4%).

** Sotto pressione MPS in un panorama di incertezza sul piano del nuovo AD e sulle modalità della ricapitalizzazione. Il titolo, dopo aver perso più del 9% venerdì, ha tentato in avvio la strada del rimbalzo per poi invertire rapidamente la rotta e chiudere in calo dell‘1% a un nuovo minimo storico di 0,2 euro.

** Nel finale si sgonfiano altri titoli del settore con BANCO POPOLARE che perde il 2,2%, UBI l‘1,2% mentre POP MILANO galleggia appena sopra la parità. Fuori dall‘indice principale CARIGE lascia sul terreno il 6,7%.

** Tra i finanziari brilla con un +4% AZIMUT.

** In un comparto auto tonico in tutta Europa (+1,6% l‘indice) FIAT CHRYSLER e FERRARI salgono del 3% circa.

** FERRAGAMO guadagna il 2,4% dopo la promozione a “buy” di Bofa Merrill Lynch e MONCLER del 2,9% nel giorno di ingresso nell‘indice Stoxx Europe 600 dopo le forti perdite di venerdì.

** ENI tonica (+1,5%), spinta dal rialzo del 2% messo a segno dai derivati sul greggio.

** Tra le mid cap si segnala il +6,6% di OVS che ha annunciato un investimento nella società che ha presentato un‘offerta pubblica per l‘acquisizione del retailer svizzero Charles Voegele.

** BANCA INTERMOBILIARE lascia sul campo oltre il 4%. Venerdì il Cda di Veneto Banca ha deciso il far uscire la controllata dalle attività in via di dismissione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below