12 settembre 2016 / 12:02 / in un anno

Libia, Italia aprirà ospedale con 300 tra soldati e medici

ROMA (Reuters) - L‘Italia aprirà un ospedale in Libia, su richiesta del governo di unità nazionale, e invierà sul posto 300 tra medici, infermieri e militari, ha detto oggi una fonte governativa.

L‘ospedale sorgerà vicino all‘aeroporto di Misurata, sarà dotato di 100 tra medici e infermieri e protetto da circa 200 militari.

“Dovrebbe essere in una zona sicura, ma non troppo lontana dal fronte”, ha detto la fonte.

Le forze libiche che sostengono il governo riconosciuto dall‘Onu combattono da mesi contro Stato Islamico, che controlla la Sirte e hanno trovato forti resistenze, registrando numerose perdite.

L‘Italia ha già trasferito alcune decine di combattenti libici a Roma per essere curati, ma realizzare un ospedale nel Paese africano sarà un mezzo di assistenza più rapida ed efficiente, ha detto la fonte, che non ha fornito altri dettagli.

Mentre Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti e Italia hanno ammesso di aver schierato in Libia unità speciali, questo sarebbe il primo caso di dispiegamento aperto di truppe da parte di un Paese occidentale, sebbene per una missione umanitaria.

La ministra della Difesa Roberta Pinotti e il responsabile degli Esteri Paolo Gentiloni potrebbero fornire altri dettagli sulla vicenda domani, quando sono attesi in Parlamento per riferire sulla situazione in Libia.

(Steve Scherer)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below