29 agosto 2016 / 13:57 / in un anno

Sisma, funerali domani ad Amatrice anziché a Rieti dopo proteste

ROMA (Reuters) - I funerali per le vittime del sisma della scorsa settimana si svolgeranno domani ad Amatrice, e non a Rieti come era in programma.

Lo ha fatto sapere il premier Matteo Renzi dopo le proteste della popolazione di Amatrice, il centro più colpito dal terremoto dove si contano 229 delle 290 vittime, secondo il bilancio ufficiale ancora provvisorio.

“I funerali delle vittime del #terremoto si terranno ad Amatrice come chiedono il sindaco e la comunità locale. E come è giusto!”, ha scritto Renzi in un tweet.

I funerali saranno “domani alle 18”, ha detto in tv il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ricordando che in un primo tempo si era stabilito di svolgere i funerali ad Amatrice, decisione poi rivista per “problemi di viabilità e ordine pubblico”.

Sabato si sono invece svolti ad Ascoli i funerali di una parte delle 50 vittime marchigiane.

Mentre nel Lazio ancora si cerca tra le macerie, va avanti il lavoro dei magistrati di Rieti ed Ascoli per accertare eventuali responsabilità nei crolli, specie nel caso di edifici pubblici come la scuola e l‘ospedale di Amatrice.

Sono quasi 3.000 al momento le persone assistite in tendopoli e strutture di emergenza. Il governo ha già stanziato 50 milioni di euro attingendo alla dotazione di 234 milioni del Fondo per le emergenze nazionali.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below