13 giugno 2016 / 10:37 / tra 2 anni

Consob, Calenda: ha fatto "errori gravi"

ROMA (Reuters) - La Consob ha fatto “errori gravi” nel vigilare sulla vendita di obbligazioni bancarie a più alto rischio ai risparmiatori.

Consob, Calenda: ha fatto "errori gravi" . REUTERS/Alessandro Garofalo

Lo ha detto il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda, senza però chiedere esplicitamente un passo indietro al presidente Giuseppe Vegas, come invece ha fatto il vice ministro dell‘Economia e leader di Scelta civica, Enrico Zanetti, la settimana scorsa.

Vegas è stato nominato dal governo di Silvio Berlusconi nel 2010 e il suo mandato scade alla fine del prossimo anno.

Il premier Matteo Renzi non ha finora commentato la richiesta di dimissioni di Vegas.

Contattata da Reuters, Consob non è stata immediatamente disponibile per un commento.

Domenica 5 giugno la conduttrice di Report, Milena Gabanelli, ha mostrato una lettera inviata a Vegas dal responsabile divisione emittenti Consob, in cui è scritto che “le banche saranno invitate a non inserire le informazioni sugli scenari di probabilità nel prospetto e ne richiederanno l‘eliminazione nel caso in cui qualche banca dovesse farlo di propria iniziativa, conformemente alle indicazioni fornite per le vie brevi dalla signoria vostra”.

La Gabanelli ha quindi chiesto le dimissioni di Vegas.

Consob ha replicato che nel 2009 ha cercato di verificare se, su base esclusivamente volontaria, nei prospetti informativi dei bond potessero essere inclusi gli scenari probabilistici di rendimento. Dopo una consultazione pubblica, la Commissione ha accantonato il progetto per “la forte contrarietà espressa dal mercato”.

La Gabanelli, nella contro-replica, ha accusato la Consob di esser venuta meno alle sue funzioni ricordando che la legge italiana ammette il commissariamento dell‘Authority in caso di “impossibilità di funzionamento o di continua inattività”.

“Non credo stia al governo commentare, però errori gravi sono stati fatti, Report ha ragione”, ha detto Calenda intervenendo su Radio 24.

Oggi Zanetti ha espresso soddisfazione per la dichiarazione di Calenda.

“Adesso siamo in due, nel governo, a dire in modo esplicito che ci sono stati errori e goffe auto assoluzioni. Il punto è capire se basta o dobbiamo diventare tre, quattro o cinque. Non credo sarà un problema, ma sarebbe opportuno risparmiarlo all‘Istituzione”, ha detto il vice ministro in una nota.

Enrico Morando, vice di Pier Carlo Padoan in quota Pd, è più prudente e dice: “Mi attengo a quello che ha dichiarato il ministro dell‘Economia e cioè che nel corso di questi duri anni di lavoro abbiamo potuto contare su una leale collaborazione dell‘istituto di vigilanza”.

Il presidente della Consob è designato dal presidente del Consiglio. La designazione va alle commissioni Finanze di Camera e Senato per un parere non vincolante e consultivo. La presidenza del Consiglio formula la proposta che va alla firma del presidente della repubblica.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below