3 giugno 2016 / 09:02 / un anno fa

Borse Europa spinte al rialzo da commodity, brilla gruppo hotel Accor

3 giugno (Reuters) - Borse europee positive nell‘ultima seduta della settimana con la catena alberghiera francese Accor in grande spolvero sulle indiscrezioni che danno la cinese Jin Jiang intenzionata di aumentare la propria quota nel gruppo, mentre una ripresa dei prezzi delle commodity spinge in alto i comparti minerario ed energetico.

Traders work at their desks in front of the German share price index, DAX board, at the stock exchange in Frankfurt, Germany, May 31, 2016. REUTERS/Staff/Remote

Gli investitori stanno comunque evitando grandi scommesse in attesa dei dati sugli occupati Usa che potrebbero dare qualche indicazione supplementare sul timing dell‘atteso rialzo dei tassi da parte della Fed. Secondo un sondaggio Reuters in maggio i nuovi posti di lavoro sarebbero stati 164.000, dopo un incremento di 160.000 unità in aprile.

“I mercati sono in un umore ‘wait and see’ in attesa dei dati sul mercato del lavoro Usa, più attesi del solito dopo l‘annuncio della Fed di un possibile rialzo dei tassi a breve”, spiega Philippe Gijsels, ricercatore capo presso BNP Paribas Fortis. “Una crescita dell‘occupazione oltre il consensus ha il potere di dare una bella scossa ai mercati”.

L‘indice FTSEurofirst 300 e lo STOXX Europe 600 intorno alle 10,45 salgono intorno a mezzo punto.

Tra le singole piazze, sale dello 0,91% il britannico FTSE 100, dello 0,4% il tedesco DAX e il francese CAC 40 cresce dello 0,28%.

** Accor sale del 3,83%, titolo migliore dell‘indice FTSEurofirst dopo che il quotidiano Le Figaro ha scritto che Jin Jiang, leader in Cina del settore viaggi e alberghiero, sta pensando di aumentare la propria partecipazione nel gruppo al 29%. Nessun commento da Accor.

** L‘indice delle materie prime guadagna l‘1,1% con i prezzi di rame, alluminio e zinco in crescita tra mezzo punto e un punto. Le azioni di Glencore, Anglo American e BHP Billiton salgono tra 0,9% e 1,9%.

** L‘indice dei titoli legati a gas e petrolio segna +1,15% con il Brent in risalita di mezzo punto oltre i 50 dollari al barile dopo che il meeting Opec non ha deciso nulla sulla produzione ma è stato accolto bene considerando che l‘Arabia Saudita ha promesso di non inondare il mercato di petrolio. I titoli del comparti BP e Royal Dutch Shell salgono rispettivamente di 2,4% e 1,7%.

** In controtendenza Airbus che è il titolo peggiore dell‘indice FTSEurofirst lasciando sul terreno circa un punto dopo che l‘Agenzia Ue per la sicurezza aerea ha bandito dal volo due dei suoi elicotteri a seguito dello schianto di un Super Puma in Norvegia a fine aprile.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below