31 maggio 2016 / 09:07 / un anno fa

Inflazione, a maggio +0,3% su mese ma -0,3% su anno

ROMA, 31 maggio (Reuters) - Secondo i dati provvisori di Istat, a maggio l‘indice Nic dei prezzi al consumo è salito dello 0,3% su base congiunturale (l‘aumento maggiore dal febbraio 2015) ed è sceso dello 0,3% (quarto calo consecutivo) sullo stesso periodo dell‘anno precedente.

Le attese, elaborate in un sondaggio Reuters, indicavano un aumento dello 0,2% su mese e un calo dello 0,3% tendenziale.

L‘indice armonizzato Ipca a maggio è salito dello 0,3% su mese ed è sceso dello 0,3% tendenziale, in linea con le attese.

L‘inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,3% (da -0,4% di aprile).

“Il ridimensionamento della flessione su base annua dell’indice generale è principalmente da attribuire all’inversione di tendenza dei prezzi dei Tabacchi (+2,0%, da -0,3% del mese precedente) e degli Alimentari non lavorati (+0,3%, da -0,5% del mese precedente)”, spiega l‘Istat.

L‘inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, accelera allo 0,6%. Al netto dei soli beni energetici l‘inflazione è pari a +0,5%.

I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza aumentano dello 0,5% su base mensile mentre registrano una flessione dello 0,6% su base annua.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,3% su mese e registrano una variazione nulla su base annua.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below