25 maggio 2016 / 12:27 / un anno fa

Vaticano sequestra conti Ior imprenditore Proietti, collabora con Italia

ROMA (Reuters) - Il Vaticano ha annunciato oggi di aver sequestrato i conti presso lo Ior dell‘imprenditore edile Angelo Proietti, che ha avuto per anni appalti con istituzioni ed enti vaticani e che la magistratura italiana ha accusato la scorsa settimana di bancarotta fraudolenta.

Guardie svizzere sfilano sotto la torre dello Ior, in Vaticano. REUTERS/Tony Gentile/File photo

In un comunicato, la sala stampa della Santa Sede ha precisato che le autorità vaticane hanno iniziato a indagare su Proietti nel 2013, dopo la segnalazione di “attività sospette”, e che negli ultimi tre anni hanno collaborato con le autorità italiane sulla vicenda.

“Si tratta di una procedura autonoma del Vaticano, non ci siamo mossi a rimorchio delle autorità italiane”, ha detto padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa.

“Da quel che so, i suoi conti erano bloccati da tempo”, ha detto a Reuters Mariano Burani, avvocato di Proietti.

Proietti è accusato dalla procura di Roma, insieme ad altre quattro persone, di aver sottratto denaro dal patrimonio di due sue società, la EmiRoma e la Edil Ars, facendole così fallire. Le due aziende si sono fuse nel 2013 nella Edil Ars, che nel 2012 aveva però già ceduto a un‘altra società riconducibile a Proietti, secondo gli inquirenti (la A.P. Costruzioni Generali), il principale ramo d‘azienda, praticamente svendendolo.

I fondi dell‘Istituto Opere per la Religione sarebbero stati utilizzati per distrarre complessivamente 11 milioni di euro, dicono gli inquirenti.

Domani Proietti, che è agli arresti domiciliari, comparirà davanti al giudice per le indagini preliminari per l‘interrogatorio di garanzia. Secondo il suo legale, l‘imprenditore “saprà spiegare tutto”.

La settimana scorsa il gip ha autorizzato il sequestro preventivo di tre conti riferiti a Proietti, già individuati grazie a una rogatoria presso il Vaticano. Perché il sequestro sia effettivo, però, la Santa Sede dovrà autorizzare una rogatoria internazionale.

“Nello Stato della Città del Vaticano è attualmente in corso un procedimento penale e le autorità competenti stanno valutando anche l‘esistenza di eventuali danni nei confronti di enti della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano”, dice il comunicato Vaticano.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below