6 maggio 2016 / 07:42 / tra 2 anni

Borsa Milano chiude in calo con listini Europa, Usa, tengono i bancari

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in lieve calo una seduta volatile condizionata dalle indicazioni contrastanti arrivati dai dati sul mercato del lavoro Usa.

Un operatore a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

Il tentativo di recupero del pomeriggio sull‘allungo dei bancari si è infranto nel finale con l‘indice FTSE Mib che torna sotto i livelli dell‘apertura e chiude in terreno negativo per la sesta giornata consecutiva.

Ad aprile la crescita degli occupati americani è stata sotto le attese, ai minimi da sette mesi, raffreddando ulteriormente le aspettative di un rialzo dei tassi Fed nel meeting di giugno.

I mercati hanno provato a leggere il dato in modo positivo, scontando un atteggiamento più attendista della Fed, ma poi ha prevalso la preoccupazione generale relativa allo stato di salute dell‘economia e alla crescita globale che ha indebolito la propensione al rischio degli investitori.

** Il FTSE Mib termina in calo dello 0,45% che porta la perdita cumulata di tutta la settimana al 4%. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 cede lo 0,33%. Volumi sull‘azionario italiano pari a circa 2,2 miliardi di euro.

** Rimbalza BANCO POPOLARE (+4,3%) tra le più colpite nelle ultime sedute e alla vigilia dell‘assemblea che dovrà deliberare l‘aumento di capitale da un miliardo propedeutico alla fusione con BPM (+1,1%).

** MPS (+2,4%) prosegue in rally all‘indomani della pubblicazione della trimestrale migliore delle attese.

** INTESA SANPAOLO chiude in live rialzo dello 0,27% dopo i risultati del trimestre che hanno battuto le attese sull‘utile. Il mercato, inizialmente deluso dai ricavi ‘core’ in calo, si è poi lasciato convincere dalle rassicurazioni sull‘andamento dei prossimi trimestri del Ceo Carlo Messina in conference call..

** Bene anche BPER (+2%), UBI (+1,3%). L‘indice del settore bancario italiano sale dello 0,5% a fronte di un calo dello 0,15% dello Stoxx europeo.

** Pressione su SALVATORE FERRAGAMO (-1,7%) nel giorno in cui RBC ha declassato il titolo a “underperform” da “sector perform”, abbassando il prezzo obiettivo a 19 da 23 euro. Ieri la società ha confermato di avere trattative aperte con l‘ex AD di Furla Eraldo Poletto per la sostituzione di Michele Norsa.

** Pesanti, con ribassi dl 2,8% anche CNH INDUSTRIAL, appesantito da un sentiment ‘bearish’ sul settore, e LEONARDO FINMECCANICA dopo una trimestrale in chiaroscuro.

** ATLANTIA perde l‘1% circa nonostante la trimestrale registri una crescita dell‘utile e dell‘Ebitda.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below