2 maggio 2016 / 11:27 / tra 2 anni

Marò, per Aja Girone può tornare in Italia durante arbitrato. Ok India

ROMA/DELHI (Reuters) - Il tribunale arbitrale dell‘Aja ha deciso oggi che Salvatore Girone, uno dei due marò accusati dall‘India dell‘uccisione di pescatori scambiati per pirati, può tornare in Italia fino alla conclusione della procedura di arbitrato.

I marò italiani Massimiliano Latorre (a destra) e Salvatore Girone (a sinistra) nel dicembre 2012 all'aeroporto di Ciampino. REUTERS/Alessandro Bianchi

Lo ha riferito il ministero degli Esteri in una nota.

“Le condizioni del rientro saranno concordate tra Italia e India”, dice la nota.

Nel pomeriggio il ministero degli Esteri indiano ha dato il proprio assenso. “Pur rimanendo sotto l‘autorità della suprema corte indiana, [Girone] può tornare in Italia per la durata dell‘arbitrato”, si legge in una nota. “Il tribunale ha confermato l‘obbligo da parte dell‘Italia di farlo tornare indietro qualora risultasse che la giurisdizione del caso spetta all‘India”.

Il tribunale dell‘Aja ha lasciato alla Suprema Corte indiana di fissare condizioni precise per il rimpatrio di Girone. Questo può includere, spiega la nota, “che il militare riporti a una autorità in Italia nominata dalla nostra corte suprema, che consegni il passaporto alle autorità italiane e non lasci il paese senza il permesso della suprema corte indiana. L‘Italia dovrà dare aggiornamenti sulla sua situazione ogni tre mesi”.

L‘altro fuciliere di Marina, Massimiliano Latorre, è già in Italia e potrà restarvi almeno fino al 30 settembre, ha deciso a fine aprile un tribunale indiano.

“Il Governo ha lavorato per sottoporre l‘intera vicenda all‘arbitrato internazionale e, in questo quadro, riportare a casa i due Fucilieri di Marina. L‘ordinanza annunciata apre la strada a questo risultato”, commenta la Farnesina, che definisce la decisione di oggi “una buona notizia”.

Il governo italiano ora “conta su un atteggiamento costruttivo dell‘India anche nelle fasi successive e di merito della controversia”.

L‘arbitrato, chiesto dall‘Italia nel giugno 2015, deve decidere se spetta all‘Italia o all‘India la giurisdizione sul caso della Enrica Lexie, la nave sulla quale viaggiavano i due militari italiani, per impedire eventuali attacchi di pirati.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below