18 aprile 2016 / 10:32 / in un anno

Greggio in calo dopo mancato accordo su produzione

Un oleodotto in un'immagine d'archivio. REUTERS/Sergei Karpukhin/Files

(Reuters) - Seduta all‘insegna della debolezza per il greggio dopo il fallimento dell‘incontro della vigilia a Doha tra i maggiori produttori.

Intorno alle 12,10 italiane il contratto di riferimento sul Brent cede 85 cent (quasi -2%) a 42,25 dollari, segnando comunque un recupero rispetto agli scambi della mattinata quando era arrivato a perdere oltre il 5%.

I futures sul greggio Usa arretrano di 1,02 dollari a quota 39,34.

Diciotto paesi esportatori di petrolio, compresa la Russia che non è membro dell‘Opec, si sono riuniti nella capitale del Qatar per quello che doveva essere il sigillo di un accordo volto a stabilizzare la produzione ai livelli di gennaio fino a ottobre 2016. L‘intesa è però fallita dopo che l‘Arabia Saudita ha chiesto il coinvolgimento dell‘Iran, nonostante gli appelli a Riyadh per salvare l‘accordo e contribuire a sostenere i prezzi del greggio.

“Il fallimento è negativo dal punto di vista psicologico. Mostra l‘incapacità di tutte le parti a collaborare”, commenta Gary Ross di Pira.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below