21 marzo 2016 / 16:57 / tra 2 anni

Borsa Milano chiude positiva trainata da banche, bene Telecom, giù Saipem

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia la seduta con il segno positivo, pur sotto i massimi di giornata, grazie al denaro che affluisce sulle banche dopo che il progetto di fusione tra Banco Popolare e Bpm sembra essersi indirizzato su una strada in discesa.

La sede della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

Nonostante un indebolimento nella seconda parte della sessione, complice anche l‘andamento stentato di Wall Street, il listino milanese resta un passo avanti rispetto alle altre borse europee che scontano maggiormente la debolezza delle commodity.

L‘indice FTSE Mib chiude in rialzo dello 0,46%, l‘Allshare dello 0,4%. Volumi nel finale per circa 2,2 miliardi di euro.

In Europa il benchmark FTSEurofirst 300 cede lo 0,3% circa e gli indici azionari Usa galleggiano intorno alla parità.

TELECOM ITALIA balza di oltre il 3% ma con volumi sotto la media a 30 giorni. Il mercato ha già digerito la notizia delle dimissioni dell‘AD Marco Patuano e ragiona sulla successione e su eventuali nuove misure per esempio in termini di taglio dei costi.

Volano BANCO POPOLARE e BPM con rispettivamente +5,9% e +3,4%. Nel weekend i vertici del Banco hanno ribadito la determinazione a finalizzare la fusione. La vitalità dei due titoli contagia tutti gli altri bancari a riprova che l‘operazione è considerata un bechmark per le evoluzioni dell‘intero sistema. Il paniere italiano del settore avanza dell‘1,5% a fronte di un comparto europeo debole (-0,5%). Tra gli altri istituti brilla MPS che sale di quasi il 4%.

MEDIASET, dopo un avvio tonico propiziato dalle indiscrezioni stampa su un accordo di massima per uno scambio azionario con Vivendi, ha imboccato la strada negativa sulla scia delle dichiarazioni di Silvio Berlusconi che ha raffreddato le speculazioni circoscrivendo l‘interesse del colosso francese ai contenuti, chiudendo in calo dello 0,8%.

SAIPEM (-3,4%) amplifica la debolezza del settore energia mentre ENI è piatta, sostenuta da numerose promozioni ottenute stamane da parte di alcuni broker.

Denaro anche su EXOR che avanza del 3,8% a quota 31,91. Kepler Cheuvreux ne ha alzato il prezzo obiettivo a 34 euro.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below