2 marzo 2016 / 12:01 / 2 anni fa

007: cresce pericolo Is per Italia, rischio nuovi attacchi in Europa

ROMA (Reuters) - L‘Italia è sempre più un possibile obiettivo dell‘Is, dicono i nostri 007 nella relazione annuale al Parlamento, evidenziando il rischio di nuovi attentati sul suolo europeo dopo quelli di Parigi, anche ad opera di al Qaeda.

Agenti di polizia eseguono controlli in piazza San Pietro. REUTERS/Stefano Rellandini

Secondo i Servizi italiani, il nostro Paese è un “target potenzialmente privilegiato sotto un profilo politico e simbolico/religioso”, anche per via del Giubileo straordinario in corso.

Nuove generazioni di aspiranti mujaheddin che hanno aderito all‘Is “potrebbero decidere di agire entro i nostri confini”, e “vanno valutati con estrema attenzione i crescenti segnali di consenso verso l’ideologia jihadista emersi nei circuiti radicali on-line”. Con un occhio alle carceri, dove spesso si consuma la radicalizzazione.

Risulta poi “in costante crescita” anche in Italia il fenomeno dei foreign fighter, con “l’auto-reclutamento di elementi giovanissimi, al termine di processi di radicalizzazione spesso consumati in tempi molto rapidi e ad insaputa della stessa cerchia familiare”.

In materia di immigrazione, la relazione evidenzia la proliferazione di gruppi criminali etnici (composti per lo più da soggetti egiziani, del Corno d‘Africa e rumeni) “specializzati sia nella falsificazione documentale sia nel fornire assistenza ai migranti per il trasferimento dai centri di accoglienza alle località di destinazione nel Nord Europa”.

“È emersa inoltre l’operatività di sodalizi brindisini attivi nel trasferimento di migranti dalle coste della penisola balcanica meridionale verso il nostro Paese”.

DOPO PARIGI POSSIBILI ALTRE AZIONI “ECLATANTI”

Gli 007 ritengono “elevato il rischio di nuove azioni in territorio europeo”, ad opera sia di emissari che di militanti eventualmente già presenti in Europa.

Sono dunque possibili “nuovi attacchi eclatanti sullo stile di quelli di Parigi, ma anche forme di coordinamento orizzontale tra micro-cellule, o azioni individuali sommariamente pianificate e per ciò stesso del tutto imprevedibili”.

Gli 007 segnalano inoltre come il pericolo rappresentato da al Qaeda non sia superato. L‘organizzazione potrebbe infatti intervenire con “atti eclatanti” in contrapposizione a Stato islamico.

Grande attenzione viene dedicata dai Servizi alla situazione della Libia, da dove nell‘ultimo anno sono partiti circa il 90% dei clandestini giunti in Italia.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below