4 febbraio 2016 / 11:05 / 2 anni fa

Italia stia serena su deficit, già chiesta massima flessibilità, dice Ue

Il responsabile Ue agli Affari economici e monetari Pierre Moscovoci. REUTERS/Vincent Kessler

MILANO (Reuters) - Per l‘Italia - unico Paese della zona euro ad aver chiesto l‘applicazione di tutte le attenuanti sul deficit - il consiglio di Bruxelles si potrebbe sintetizzare con una formula che sarebbe forse piaciuta a Matteo Renzi, almeno ai tempi in cui si rivolgeva a Enrico Letta.

“Servono serenità, pazienza e un dialogo di qualità, a questo la Commissione è pronta” risponde Pierre Moscovici a una domanda sulla prospettiva di via libera alla legge di Stabilità italiana.

Il responsabile Ue agli Affari economici e monetari sta illustrando alla stampa le ultime stime della Commissione, le ‘Winter forecasts’ in cui il rapporto deficit/Pil - dopo il 2,6% con cui dovrebbe essersi concluso il 2015 - è indicato quest‘anno a 2,5% contro il 2,3% previsto soltanto a inizio novembre nelle stime d‘autunno.

Legata a doppio filo alla revisione al ribasso delle attese di crescita (1,4% da 1,5% quest‘anno, 1,3% da 1,4% il prossimo), la nuova proiezione di Bruxelles va confrontata con il 2,4% messo in campo dal governo, livello che si ipotizza possa venire ulteriormente innalzato alla luce della crisi immigrazione.

Moscovici ha appena finito di spiegare ai giornalisti - che a suo dire sembrano non capire - che il giudizio di Bruxelles arriverà soltanto a maggio, inserito in un calendario chiaro e preciso che non riguarda la sola Italia ma tutti i Paesi su cui la valutazione resta in sospeso.

“Leggo anche io i giornali italiani e mi sembra che sul tema della flessibilià ci sia una certa confusione.[...] La posizione della Commissione e la mia sono chiare: l‘Italia sa - e deve sapere - di essere l‘unico Paese ad aver fatto richiesta del massimo grado di flessibilità, per decidere esiste però un calendario preciso e lo faremo a maggio. I contatti tra me e il ministro Padoan sono regolari, il nostro è un dialogo aperto e di qualità” aggiunge.

Nemmeno tanto tra le righe: l‘Italia è già in una posizione privilegiata e non è questo il momento di fare pressioni.

Soltanto ieri, al termine di un incontro con l‘omologo britannico George Osborne, Padoan parlava di un “diritto” dell‘Italia all‘utilizzo di tutti i margini di flessibilità previsto dalla Ue sul deficit in nome dell‘impegno sul piano delle riforme.

In serata, uno stringato commento del ministero tornava sul tema chiosando: “dall‘Italia nessuna richiesta aggiuntiva”. dell‘Economia metteva in chiaro che dell‘Italia a

Quel che è chiaro è che - da entrambe le parti - a mancare sia proprio la chiarezza. Tutto naturale, del resto, dal momento che di decisione politica si tratta.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below