22 gennaio 2016 / 09:10 / tra 2 anni

Banche popolari, Renzi: merger in queste settimane, faranno del bene

ROMA (Reuters) - Il premier Matteo Renzi ha detto oggi che la riforma attuata dal governo sulle banche popolari sta portando ad un “risiko” e che le aggregazioni che si faranno in queste settimane porteranno “del bene”.

Un impiegato a lavoro in una banca. REUTERS/Brendan McDermid

“In Italia nel passato avevamo troppe banche, forse bisognava sistemare troppa gente e troppe poltrone. Il sistema di alcune banche molto collegate alla politica non è stato un buon sistema”, ha dichiarato Renzi nel corso di un‘intervista radiofonica a Rtl 102,5.

“[Con la riforma delle popolari] abbiamo detto: via mandiamole in borsa, quotiamole, vediamo chi è in condizione di stare sul mercato”, ha spiegato il presidente del Consiglio, aggiungendo che “questo lavoro sta portando ad un risiko, aggregazioni in queste settimane che, vedrà, faranno del bene”, ha detto Renzi.

Tra le altre operazioni nel settore, quella di una possibile fusione tra Banco Popolare e Popolare di Milano, sulla quale l‘AD di Banco Popolare Pier Francesco Saviotti in un‘intervista a Reuters ha recentemente espresso fiducia. Si tratterebbe della prima aggregazione tra banche popolari dopo al riforma Renzi. [nL8N14Z2ZD]

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below