19 novembre 2015 / 09:20 / tra 2 anni

Gentiloni: Italia aiuterà Parigi ma no spedizioni in Siria

ROMA (Reuters) - Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha ribadito oggi che l‘Italia è pronta a dare il proprio sostegno alla Francia dopo gli attentati di Parigi, ma non ci saranno spedizioni in Siria.

Cani tra le macerie in Siria. REUTERS/Bassam Khabieh

“Nessuno metterà gli scarponi in Siria: né Hollande, né Obama, né noi”, ha detto il numero uno della Farnesina, parlando alla trasmissione Agorà di Raitre questa mattina.

“Siamo pronti ad aiutare i nostri fratelli francesi, ma né noi, né loro, né gli americani faremo spedizioni in Siria”, ha affermato.

Dopo la catena di attentati rivendicati da Stato islamico che venerdì scorso a Parigi ha ucciso 129 persone, si è rinfocolato il dibattito sulla necessità o meno di un intervento occidentale congiunto in Siria via terra.

I francesi hanno intensificato i bombardamenti nell‘area di Raqqa in risposta agli atti terroristici. L‘Italia, al momento, non partecipa con propri jet agli attacchi aerei contro obiettivi di Stato islamico.

(Valentina Consiglio)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below