9 novembre 2015 / 08:35 / 2 anni fa

Borsa Milano prosegue debole con Europa, giù Atlantia, bene Tenaris, Saras

MILANO (Reuters) - Piazza Affari procede cedente in una seduta, in linea con l‘andamento europeo, dopo il balzo di venerdì scorso. A tenere banco sempre la questione legata al possibile aumento dei tassi di interesse negli Usa e la debolezza della valuta europea che avvantaggia i settori più export oriented.

Un trader a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

Intorno alle 12,20, l‘indice FTSE Mib cede lo 0,37%, l‘Allshare lo 0,32%. In Europa il benchmark FTSEurofirst arretra dello 0,18%. Volumi pari a poco sotto il miliardo di euro.

In deciso ribasso ATLANTIA che cede il 3% penalizzato dallo stop alla vendita del 30% di Adr. Icbpi, nel report odierno, ritiene che “la notizia del congelamento del negoziato possa risultare penalizzante per il titolo”.

Banche incerte, UNICREDIT sale dello 0,25% in attesa della presentazione del piano mercoledì prossimo, mentre INTESA SP <ISP,MI> cede lo 0,76% dopo il taglio del prezzo obiettivo di Rbc a 3,6 euro.

TELECOM ordinarie cedono l‘1,2% e le risparmio perdono lo 1,26%, dopo che venerdì i titoli si erano mossi in direzione di un adeguamento a concambio e conguaglio indicati per l‘operazione di conversione (rapporto pari a 1 e 9,5 centesimi).

Ben raccolta SARAS che balza di oltre il 4% dopo i dati del trimestre venerdì scorso e l‘annuncio che la società di trading petrolifero inizerà a essere operativa da gennaio prossimo.

Il rimbalzo del prezzo del petrolio fa bene alle società del settore, come SAIPEM in salita del 3% e TENARIS (+4%).

Giù il settore delle utility con A2A che cede il 2,54% nel giorno della presentazione ai soci di Linea Group dell‘offerta vincolante per il 51% della società. Venduta anche IREN (-2,10%).

In luce AUTOGRILL che sale del 2,3% e beneficia della debolezza dell‘euro, dice un trader.

Fra i minori strappa CONAFI PRESTITO in asta di volatilità dopo un balzo di oltre il 10% sulla scia della sigla dell‘accordo triennale con Banca Sistema (+1% circa) per la cessione pro soluto fino a 100 milioni di euro di crediti. Spunti anche su SAES GETTERS (+4,8%).

Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129518, Reuters messaging: giancarlo.navach.reuters.com@reuters.net

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below