30 ottobre 2015 / 15:02 / 2 anni fa

ECONOMICA - Tesoro guarda a Bce e Fed per tassi negativi

MILANO (Reuters) - Il percorso in quattro anni è stato più che inatteso: dal pagare oltre il 6,5% per collocare i propri titoli semestrali a rifinanziare il proprio debito sino ai due anni, essendo ricompensata per questo dall‘investitore.

Il presidente della Bce Mario Draghi e la numero uno della Federal Reserve Janet Yellen al meeting IMF/World Bank dell'aprile 2014 a Washington. REUTERS/Joshua Roberts

L‘Italia si trova oggi in questa situazione invidiabile, beneficiando della pressione inarrestabile di Mario Draghi sui tassi di interesse ma anche di un quadro interno ampiamente migliorato, in primo luogo per il ritorno alla crescita, che ne ha migliorato la reputazione internazionale.

La scommessa è ora sulla durata di questa situazione.

I tassi negativi dei titoli italiani sono comunque superiori alla soglia del -0,20% che Francoforte applica a fine giornata ai fondi non utilizzati dalle banche e, quindi, in questa chiave comparativa rendono attraente la carta italiana. Il confronto è vantaggioso anche rispetto ad altri paesi. In Francia i tassi sono più negativi del livello Bce sino ai titoli con durata tre anni, in Germania sino ai 4 anni. A conferma dell‘appetibilità dei titoli italiani nei giorni scorsi la richiesta in asta per i Ctz in asta, collocati con un rendimento di -0,02%, e per i Bot semestrali, venduti al -0,06%, è stata superiore al doppio dell‘offerta.

IMPORTANTE EFFICACIA BCE SU INFLAZIONE

Nel 2016 sarà centrale il ruolo della Banca centrale europea in tema di inflazione. Nei primi otto mesi gli effetti del quantitative easing, contrastati dal nuovo calo dei prezzi del petrolio, sono stati molto limitati sui prezzi, della zona euro e dell‘Italia. Il sostegno indiretto a banche e governi, infatti, non si è trasferito significativamente all‘economia reale e non ha quindi sospinto domanda e prezzi come auspicato.

Draghi di fronte a ciò ha assicurato che la ricetta espansiva di Francoforte verrà applicata ancora, forse più a lungo di quanto previsto, forse con nuove misure. E la prima possibile misura aggiuntiva, l‘ulteriore abbassamento del tasso sui depositi delle banche presso la Bce, creerebbe ulteriore spazio per la richiesta di titoli italiani a tassi negativi.

D‘altra parte l‘impegno per riportare il tasso di inflazione in prossimità del 2% avrà un aiuto statistico proprio nel confronto con i bassi dati del 2015. L‘effetto base favorirà un rialzo dei prezzi, attesi comunque dagli economisti ancora a livelli lontani dall‘obiettivo Bce.

Ne dovrebbe derivare una spinta verso l‘alto, anche se contenuta, dei tassi nominali sui titoli di Stato.

Sullo sfondo la politica monetaria della Federal Reserve che tra molte cautele si avvicina dopo anni al primo rialzo dei tassi di interesse. Gli economisti per ora scommettono su una correlazione tra tassi Usa ed europei nonostante le scelte divergenti di Yellen e Draghi. E quindi a un sostegno ai tassi europei quando, a fine 2015 piuttosto che nella prima parte del 2016, la Fed alzerà effettivamante i tassi.

Il quadro complessivo per i tassi italiani rimane molto rassicurante. L‘obiettivo del governo di una spesa per interessi sui titoli di Stato di 70 miliardi viene considerata prudenziale dagli economisti. Solo un‘inflazione che davvero si avvicinasse al 2%, come auspicato dalla Bce, spingerebbe il quadro al rialzo.

Ma in questo caso a beneficiarne sarebbe il rapporto debito/pil. Un balzo dell‘inflazione ne sosterrebbe la difficile uscita dagli anni di rialzo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below