26 ottobre 2015 / 08:39 / 2 anni fa

Polonia, euroscettici rivendicano vittoria in elezioni spartiacque

VARSAVIA (Reuters) - Il partito euroscettico e conservatore Diritto e giustizia (PiS) ha rivendicato la vittoria alle elezioni polacche, uno spartiacque per l‘ex paese comunista che rischia di entrare in rotta di collisione con i principali partner dell‘Unione europea.

Il presidente polacco Andrzej Duda al voto ieri a Cracovia. REUTERS/Agencja Gazeta/Krzysztof Karolczyk

Guidato da Jaroslaw Kaczyinski, il fratello gemello di Lech Kaczynski, morto in un incidente aereo quando era presidente, il PiS si è assicurato il 37,7% delle preferenze, appena sufficienti per governare da solo ma molto avanti rispetto a Piattaforma Civica, il partito centrista della premier uscente Ewa Kopacz, fedele a una linea pro-europea, che ha ottenuto il 23,6%.

Se gli exit poll a cura di Ipsos, che si basano sul 90% dei comitati elettorali, saranno confermati la vittoria del PiS sarebbe la più ampia in termini di seggi da quando nel 1989 la Polonia tenne le prime libere elezioni, dopo aver abbandonato il comunismo.

Per la prima volta il raggruppamento dei socialisti, erede del partito comunista, sarebbe inoltre fuori dal parlamento.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below