23 ottobre 2015 / 08:39 / 2 anni fa

Ipo Poste, prezzo fissato a 6,75 euro, Tesoro raccoglie 3,4 miliardi

ROMA/MILANO (Reuters) - Poste Italiane approderà in Borsa il 27 ottobre a 6,75 euro per azione, prezzo che permetterà al Tesoro di raccogliere quasi 3,4 miliardi nel caso di integrale sottoscrizione della greenshoe, ha detto oggi il ministro dell‘Economia Pier Carlo Padoan.

Logo Poste Italiane davanti a un ufficio postale di Roma. REUTERS/Alessandro Bianchi

Questo prezzo implica un rendimento stimato legato al dividendo del 5%, valorizza il gruppo 8,8 miliardi e si colloca a metà della forchetta iniziale di 6-7,5 euro, come anticipato ieri da Reuters.[nL8N12M4YX]

L‘offerta pubblica di vendita (Opv) del 38% di Poste Italiane è la più grande dismissione del governo da oltre un decennio ed ha attirato una domanda pari a 3,35 volte l‘offerta.

Il ministero dell‘Economia resta azionista di controllo con il 65,3%, quota che scenderà al 61,8% una volta esercitata la greenshoe.

Il risultato del collocamento è un buon segnale per Matteo Renzi che mira a rendere più efficienti gli enti statali e ha in programma la dismissione di quote di Enav e Ferrovie dello Stato per ridurre la montagna di 2.200 miliardi di debito pubblico.

Fincantieri, il primo gruppo pubblico a essere parzialmente ceduto sul mercato dall‘attuale governo, ha perso quasi il 36% in Borsa dal collocamento di oltre un anno fa.

L‘operazione di Poste “è un successo in termini quantitativi e in termini qualitativi, perché hanno aderito tanti piccoli risparmiatori ma anche grandi investitori, dall‘Italia e dall‘estero”, ha spiegato Padoan in una conferenza stampa.

“È una dimostrazione di fiducia nel piano industriale dell‘azienda ma anche nel nuovo corso dell‘Italia”.

Alla domanda se tra i nuovi azionisti siano entrati investitori stranieri con quote superiori al 2% e fondi sovrani, il capo della segreteria tecnica del ministro, Fabrizio Pagani, ha risposto che “ha aderito al collocamento tutta la tipologia di investitori”.

IL PARAGONE CON L‘IPO FERRARI

Grazie anche alla rete di salvataggio messa a disposizione dalla Banca centrale europea è ritornato l‘interesse per azioni e bond italiani. I tassi su Bot e Btp che 4 anni fa rischiavano di andare fuori controllo sono adesso a livelli minimi.[nL8N12N23K]

L‘andamento del titolo Poste Italiane sarà guardato come un proxy del Paese dal momento che il gruppo guidato da Francesco Caio è il primo datore di lavoro italiano con 142.000 dipendenti e detiene oltre 100 miliardi di titoli di Stato.

“Il prezzo di 6,75 euro, nel mezzo del range nonostante ordini tre volte superiori alle azioni offerte, dovrebbe assicurare un discreto rialzo del titolo il primo giorno di scambi”, scrive Neil Unmack, editorialista di Breakingviews.

“Questo dovrebbe evitare a Poste Italiane una brutta figura dopo l‘offerta pubblica di acquisto di Ferrari della settimana scorsa”.[nL8N12N1TA]

Lo scorso anno Poste ha realizzato l‘85% dei suoi 28,5 miliardi di ricavi dalle attività assicurative e bancarie. La parte postale, attualmente in perdita, ha contribuito solo per il 15%.

Padoan ha confermato che al pubblico indistinto e ai dipendenti sarà assegnato circa il 30% delle azioni offerte, mentre agli investitori istituzionali il 70%.

Agli investitori retail è inoltre garantita una bonus share ogni 20 azioni se mantenute per almeno un anno.

A 6,75 euro per azione il Tesoro incasserà subito 3,06 miliardi di euro, che saliranno a 3,36 miliardi con l‘esercizio integrale della greenshoe (al lordo delle commissioni al consorzio delle banche) e che saranno destinati alla riduzione del debito pubblico.

Global coordinator dell‘Ipo sono stati Intesa Sanpaolo, BofA Merrill Lynch, Mediobanca, Citi e UniCredit, affiancati come joint bookrunner da Credit Suisse, Goldman Sachs, JP Morgan, M.Stanley, Ubs.

Il debutto di Poste Italiane avverrà qualche giorno prima di quello di Japan Post e delle due sue controllate finanziarie. Japan Post Bank e Japan Post Insurance sono state prezzate al massimo della forchetta indicativa di prezzo [ID:nL8N12J18D] e secondo IFR anche Japan Post dovrebbe essere prezzata al top del range.

A differenza di quanto deciso dall‘Italia, il governo britannico ha effettuato uno split delle attività bancarie e assicurative di Royal Mail prima di mettere la società sul mercato due anni fa.

In redazione a Roma Giselda Vagnoni, Reuters Messaging: elisa.anzolin.thomsonreuters.com@reuters.net, +39 02 66129692, Reutersitaly@thomsonreuters.com Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below