12 ottobre 2015 / 09:25 / 2 anni fa

Turchia, Stato Islamico primo sospettato per attentato Ankara

ISTANBUL (Reuters) - Stato Islamico è al centro delle indagini sugli autori del doppio attentato suicida che sabato scorso ha provocato almeno 97 morti nella capitale turca Ankara, ha detto oggi il primo ministro Ahmet Davutoglu.

Il luogo teatro dell'esplosione di Ankara. REUTERS/Umit Bektas

Parlando in diretta alle telecamere di Ntv, Davutoglu ha detto che l‘attentato - che non è stato ancora rivendicato - è stato un tentativo di influenzare il risultato delle elezioni parlamentari del prossimo primo novembre.

Il premier ha detto che gli investigatori sono vicini all‘identificazione di uno dei due kamikaze (“Siamo vicini a un nome, che porta a un gruppo”), e che sono in corso test del Dna per individuare il secondo attentatore.

Ieri due fonti della sicurezza turca hanno riferito a Reuters che le prime indicazioni sembrano condurre a Stato Islamico, e che ci sono forti similitudini tra l‘attentato di Ankara e quello del luglio scorso a Suruc, vicino al confine con la Siria, rivendicato dal gruppo radicale islamico.

Secondo il Partito democratico dei popoli (Hdp), l‘organizzazione politica pro-curda che aveva organizzato la manifestazione colpita dagli attentatori, il bilancio delle vittime è di 128 morti. Per le autorità turche invece è di 97 deceduti.

L‘Hdp ha annunciato che, in conseguenza dell‘attentato, non terrà più manifestazioni fino alle elezioni.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below