2 ottobre 2015 / 07:09 / 2 anni fa

Telecom, Vivendi si muove per alzare quota a circa 19% capitale

MILANO/PARIGI (Reuters) - Vivendi si è mossa per salire al 19% circa del capitale ordinario di Telecom Italia nel tentativo di aumentare la sua influenza sul gruppo, secondo quanto riferito da diverse fonti vicine alla situazione.

Il quartier generale di Vivendi. REUTERS/Gonzalo Fuentes

Varie banche hanno predisposto contratti derivati per Vivendi che porteranno il gruppo francese guidato dal presidente Vincent Bollore a superare l‘attuale partecipazione del 15,49% posseduta in Telecom, spiega una delle fonti.

Altre due persone hanno confermato che Vivendi ha usato contratti derivati per incrementare la sua quota, mentre una quarta ha parlato di acquisti sul mercato senza specificare la tempistica.

Vivendi e Telecom Italia non hanno rilasciato commenti.

Con Telecom Italia, vista da banchieri e manager del settore come una possibile preda di acquisizioni, il finanziere bretone vuole giocare il ruolo di king-maker nel processo di consolidamento in arrivo, sostiene una fonte che cita la francese Orange e Deutsche Telekom tra gli operatori che potrebbero essere interessati a un‘allenza con il gruppo italiano.

I titoli di Telecom Italia sono saliti di quasi il 20% dall‘inizio dell‘anno, portando la società a una capitalizzazione di 19,5 miliardi di euro.

Vivendi è diventata il primo azionista di Telecom lo scorso giugno quando ha ricevuto l‘8,3% nell‘ambito dell‘operazione di cessione del gruppo tlc brasiliano GVT a Telefonica.

La società francese ha poi iniziato ad acquistare azioni sulla scia della dissoluzione di Telco, il veicolo partecipato da Telefonica, Intesa SP, Generali e Mediobanca che controllava il 22,4% di Telecom.

In agosto, quando Bollore ha incontrato il primo ministro italiano Matteo Renzi, una fonte vicina alla situazione ha sottolineato che l‘imprenditore francese non ha intenzione di dettare la strategia di Telecom. Eppure molte fonti sostengono che Vivendi potrebbe salire ancora nel capitale per cementare il controllo sulla società.

Alcuni spiegano la mossa anche come un modo per crescere in un mercato europeo promettente e assicurarsi una più ampia distribuzione dei contenuti prodotti dalle controllate Universal Music Group e Canal Plus.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below