1 ottobre 2015 / 08:14 / tra 2 anni

Rapporto deficit/Pil scende a 0,9% nel secondo trimestre, pressione fiscale in lievissimo calo

ROMA (Reuters) - L‘indebitamento netto in rapporto al Pil delle amministrazioni pubbliche nel secondo trimestre 2015 è stato pari allo 0,9% dall‘1,1% del corrispondente trimestre 2014.

Il premier Matteo Renzi il 23 settembre a Bruxelles. REUTERS/Francois Lenoir

Lo rende noto Istat, precisando che si tratta di dati grezzi.

Nel secondo trimestre le uscite totali sono aumentate dello 0,3% su anno, mentre le entrate complessive hanno segnato un +0,7%.

Il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo, con un‘incidenza sul Pil del 4,2%, invariata rispetto a quella del secondo trimestre dell‘anno precedente.

La pressione fiscale è stata pari al 43,2%, in calo di 0,1 punti rispetto allo stesso periodo dell‘anno precedente.

“Nella media dei primi due trimestri del 2015 si è registrato un rapporto tra indebitamento netto e Pil pari al 3,2%, con un miglioramento di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo dell‘anno precedente”, spiega Istat.

Il governo punta a chiudere l‘anno in corso con un deficit/Pil al 2,6%.

Nel 2014 l‘indebitamento netto in rapporto al Pil è stato pari al 3% dal 2,9% del 2013; la pressione fiscale è risultata al 43,6%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto all‘anno precedente.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below