15 settembre 2015 / 14:41 / tra 2 anni

Riforme, minoranza Pd lascia tavolo, al via esame emendamenti

ROMA (Reuters) - Dopo una settimana di riunioni, oggi la tregua nel Pd sulla riforma costituzionale è saltata e la minoranza ha lasciato il tavolo che doveva servire a trovare un‘intesa prima della prossima votazione a Palazzo Madama sul testo.

L'aula del Senato riunita, in una foto del 24 febbraio 2014. REUTERS/Tony Gentile

Intanto, sempre oggi, la commissione Affari costituzionali del Senato ha cominciato a discutere dei criteri di ammissibilità degli oltre 500.000 emendamenti che pesano sul testo (in grandissima parte presentati dalla Lega Nord).

“Le risposte che mancavano erano politiche e non solo tecniche”, ha detto a Reuters Doris Lo Moro, capogruppo del Pd in commissione e firmataria degli emendamenti di minoranza, spiegando la decisione di abbandonare la riunione, a cui partecipava anche il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi.

“Se la risposta è sempre quella che non si può toccare l‘articolo 2, allora è inutile discutere”, ha detto Federico Fornaro, uno dei 28 firmatari degli emendamenti “critici”.

L‘articolo 2 della legge costituzionale è quello che riguarda la nomina dei “nuovi” senatori da parte dei consigli regionali, mentre la minoranza Pd e le opposizioni vorrebbero che i membri di Palazzo Madama venissero invece eletti direttamente dai cittadini. Una possibile mediazione, sostenuta anche dal sottosegretario alle Riforme Luciano Pizzetti, è quella del considdetto listino, cioè l‘indicazione dei nomi dei candidati senatori direttamente sulla scheda per l‘elezione dei consigli regionali.

Fornaro ha detto che la decisione di abbandonare la discussione è stata “presa dopo attenta valutazione”, e che ora tocca alla maggioranza del Pd fare proposte.

I punti di scontro dentro il partito restano gli stessi: a parte la questione dell‘eleggibilità, c‘è il nodo delle funzioni attribuite al Senato (che il passaggio della legge alla Camera nel marzo scorso ha ulteriormente ridotto), quello della nuova Corte Costituzionale e quello del federalismo.

La questione principale però resta al momento l‘ammissibilità degli emendamenti, in particolare quelli all‘articolo 2. La presidente Pd della commissione Affari costituzionali Anna Finocchiaro è contraria, ma l‘ultima parola spetta al presidente del Senato Pietro Grasso, che potrebbe accettarli nel dibattito in aula, facendo correre qualche rischio alla maggioranza guidata dal premier Matteo Renzi.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below