10 settembre 2015 / 11:14 / 2 anni fa

Nucleare, studio: capacità globale dovrebbe crescere 45% entro 2035

LONDRA (Reuters) - La capacità di produzione di energia nucleare dovrebbe crescere di oltre il 45% nei prossimi vent‘anni, un ritmo tuttavia ancora al di sotto di quanto è necessario per frenare il cambiamento climatico, secondo il report diffuso oggi da un organismo industriale.

Il rapporto della World Nuclear Association prevede che la capacità nel settore a livello globale arriverà a 552 gigawatt equivalenti (GWe) entro il 2035 dagli attuali 379, data la crescita dei nuovi impianti nucleari in molti Paesi.

L‘Agenzia internazionale per l‘energia ha stimato che la capacità debba raggiungere i 660 GWe nel 2030 e superare i 900 GWe entro il 2050 per poter mantenere l‘aumento delle temperature a livello globale entro i 2 gradi Celsius questo secolo, una soglia che secondo gli scienziati consentirebbe di evitare gli effetti più negativi del cambiamento climatico.

Questo richiederebbe però un investimento di 81 miliardi di dollari all‘anno in nuovi impianti nucleari tra il 2014 e il 2040.

Secondo il report, per mantenere questo ritmo di crescita il mondo avrebbe bisogno di 103.000 tonnellate di uranio elementare (tU) entro il 2035 rispetto ai 62.000 necessari attualmente.

La produzione di uranio è in stallo: il calo dei prezzi ha provocato il taglio delle attività di esplorazione e dell‘apertura di nuove miniere.

(Nina Chestney)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below